in

George Clooney, Pamela Anderson e Chris Martin: tutti con Greenpeace per salvare l’Artico (FOTO)

George Clooney, Pamela Anderson e Chris Martin sono solo alcune delle Star che si sono fatte immortalare per una buona causa. Sessanta Vip internazionali hanno accolto a braccia aperte l’appello di Greenpeace aderendo alla campagna Save The Artic. Gli scatti di Andy Gotts a Clooney e colleghi sono stati poi raccolti all’interno di una mostra fotografia che ha inaugurato giusto ieri, 13 Luglio 2015,  a Londra lungo le scale mobili della stazione della metropolitana di Waterloo.

La bombastica Pamela Anderson, il cantante Chris Martin, ma anche Hugh Grant, Naomi Campbell, Pamela Anderson, Stella McCartney, Chris Martin e Kate Moss, hanno posato per il noto fotografo e sono stati ritratti con indosso la maglietta a sostegno della campagna Save The Artic disegnata proprio per questa speciale occasione dalla famosa stilista britannica Vivienne Westwood che si è prestata per qualche fotografia in modo da comparire all’interno della mostra insieme ai vari personaggi famosi che hanno sposato la causa.

In questo modo Greenpeace vorrebbe sensibilizzare tutti e far in modo che Shell non possa  cominciare le trivellazioni nell’Artico che sono previste per i prossimi giorni. La stessa Vivienne Westwood, che pare avvertire molto l’importanza di questa battaglia, ha detto: “Dobbiamo continuare a batterci finché non potranno più ignorarci” aggiungendo: “La gente deve capire che la fusione dei ghiacci artici ci riguarda tutti”. L’appello non è caduto nel vuoto. Oltre ad attori e cantanti di fama internazionale pare che per la difesa del continente di ghiaccio, uno degli ultimi luoghi del Pianeta con ancora sfruttati, si siano mobilitati anche più di sette milioni di persone nel mondo che hanno già firmato la relativa petizione.

lettera annima accusa un altro prete amico di padre gratien

Guerrina Piscaglia nuove indiscrezioni: ‘zio Francesco’ esiste ma ha un altro nome

Elena Ceste lettera del marito

Elena Ceste news, il marito scrive una lettera dal carcere: “Sono tranquillissimo”