in ,

Germania, siriano accusato di terrorismo si è impiccato nella sua cella

E’ stato trovato privo di vita nella sua cella il ventiduenne Jabar Albakr, il siriano protagonista nello scorso week end di una vera caccia all’uomo in Germania; era stato accusato di terrorismo e di presunti legami con l’Isis, ed era stato ritrovato lunedì a Lipsia grazie alla collaborazione di alcuni suoi connazionali che prima l’avevano aiutato ignari della sua identità e poi l’hanno immobilizzato e legato avvertendo le autorità.

Jabar Albakr è stato ritrovato impiccato nella sua cella, particolare che ha scatenato non poche polemiche in Germania dopo che il detenuto aveva iniziato uno sciopero della fame ed era tenuto sotto costante osservazione proprio per l’elevato rischio di suicidio; secondo le prove in mano agli inquirenti tedeschi, il ventiduenne sarebbe stato pronto a compiere un attentato.

In particolare, il suo obiettivo era uno dei due aeroporti di Berlino; durante le perquisizioni nel suo appartamento di Chemnitz sono state ritrovate ingenti quantità di miscela esplosiva, la stessa utilizzata durante gli attentati di Parigi e Bruxelles. Prima del suicidio il giovane profugo aveva accusato di “connivenza” i siriani che lo avevano immobilizzato, anche se al momento non vi sono né conferme né smentite da parte della Procura Federale.

un medico in famiglia facebook

Programmi tv stasera 13 Ottobre: Un medico in famiglia 10 e Il Segreto

FIRENZE RAGAZZA ORIENTALE STUPRATA

Brescia, 3 richiedenti asilo fermati per violenze su una ragazza di 22 anni