in ,

Gerry Scotti, la richiesta a Matteo Renzi: “Toglimi il vitalizio”

Giovedì sera 13 marzo il neo premier Matteo Renzi è stato ospite di Bruno Vespa a “Porta a porta”, e parlando del consiglio dei Ministri tenutosi il giorno precedente, ha raccontato al conduttore: “Bisogna eliminare i vitalizi e i rimborsi dei consiglieri regionali. Gerry Scotti mi ha scritto su Twitter: ‘sono stato parlamentare per cinque anni, voglio rinunciare al vitalizio ma non posso farlo.’ Troveremo il modo di accontentarlo, ma è il segnale di una persona che si rende conto che anche il piccolo contributo personale è giusto”.Renzi da Vespa

Se il noto conduttore televisivo percepisce un vitalizio nonostante la sua volontà di farne a meno, è evidente che qualcosa in Italia davvero non funziona. Questo il sunto del concetto espresso da Matteo Renzi, nel riferire del suo scambio su Twitter con Gerry Scotti. “Ci sono tante cose che non tornano, come i vitalizi dei consiglieri regionali che si sommano a quelli da parlamentare, per cui una persona può prendere più pensioni, quando la mia generazione non ne prende neanche una”, ha infatti spiegato il premier.

Gerry Scotti, volto Mediaset amatissimo dagli italiani, si candidò nel collegio di Milano nelle file del Partito Socialista Italiano guidato da Bettino Craxi; fu eletto alla Camera dei deputati nel 1987 e la sua ‘carriera’ politica finì 5 anni dopo.

copertina serie Dracula

Anticipazioni Dracula, Jonathan Rhys Meyers sarà il nuovo vampiro di Stoker

Holland e il triangolo amoroso

François Hollande e Julie Gayet: c’è aria di crisi