in

Gessica Lattuca scomparsa a Favara news: c’è ancora l’ex compagno nel mirino degli investigatori

Favara scomparsa Gessica Lattuca ultime news oggi: pozzo artesiano dove ieri pomeriggio per diverse ore è stato cercato il cadavere di Gessica Lattuca non avrebbero prodotto esito. Quello scandagliato non è un pozzo qualunque poiché si trova proprio in un appezzamento di terreno in contrada ‘Burraitotto’, tra Favara e Naro, nell’Agrigentino, di proprietà di Filippo Russotto, ex compagno della 27enne e padre di tre dei suoi quattro figli. All’uomo sono state perquisite e sequestrate tutte le proprietà immobiliari “come atto dovuto”, in quanto Russotto non sarebbe indagato.

L’accertamento è stato eseguito dal Nucleo sommozzatori dei Vigili del fuoco di Palermo in collaborazione con i colleghi del Reparto di Agrigento e di Favara. E’ stato usato un robot per setacciare il pozzo, che è profondo una trentina di metri e dove non sarebbe stata trovata traccia della giovane madre scomparsa misteriosamente la sera del 12 agosto scorso.

Leggi anche: Gessica Lattuca scomparsa a Favara: nuove ricerche cadavere, qualcuno ha parlato?

Apprendiamo inoltre che a Filippo Russotto son stati sequestrati anche l’autovettura, una Ford Focus e un furgoncino. Ai mezzi vanno ad aggiungersi i sigilli posti nella casa di via Fratelli Gracchi a Favara, l’appezzamento di terreno di contrada Malvizzo e la casa di campagna di contrada Burraitotto, tutti intestati all’uomo. Sebbene non ufficialmente iscritto nel registro degli indagati, da giorni ormai Russotto è oggetto delle attenzioni degli investigatori, che da quando Gessica è scomparsa si sono sempre mossi su piste investigative che portano alla famiglia della donna, alle persone che fanno parte della cerchia ristretta delle sue frequentazioni. Il fascicolo di inchiesta verte al momento su due ipotesi di reati: sequestro di persona e sfruttamento della prostituzione.

 

Big Show Pucci 2018 ospiti terza puntata: da Lorella Cuccarini a Pierluigi Pardo

Tanina uccisa a Fiumicino: personal trainer confessa delitto e si costituisce