in ,

Gessica Notaro: ex fidanzato condannato anche a 8 anni per stalking contesta sentenza

Gessica Notaro sfregiata con l’acido: dopo la recentissima condanna a 10 anni di reclusione per avere aggredito e deturpato il viso della ex fidanzata, oggi Eddy Tavares ha subito un’altra condanna dal tribunale di Rimini. Non solo dovrà risarcire economicamente la vittima, ma è stato condannato con rito abbreviato a 9 anni di reclusione per aver perseguitato l’ex fidanzata, per minacce a ex colleghi di lavoro e per maltrattamenti su animali, suddivisi così: 6 anni e 6 mesi per lo stalking e le minacce, e 1 anno e mezzo per i maltrattamenti su animali.

>>> Gessica Notaro sfregiata con l’acido: ex fidanzato condannato a 10 anni di carcere <<<

Il 29enne di Capo Verde stando a quanto trapela non ha preso molto bene la sentenza ed avrebbe sbottato: “Non ci credo, non è possibile … Per gli omicidi si prende molto meno”. Soddisfatta la ex Miss, che fuori dall’aula ha commentato: “Questa sentenza mi ripaga di tutta la sofferenza patita”.

Gessica Notaro racconta l’orrore subito

Forte, combattiva, Gessica Notaro ha in tante occasioni raccontato davanti alle telecamere il dramma subito, l’aggressione da parte dell’ex compagno che mai si è pentito di ciò che le ha fatto.

“Stavo rientrando da una cena con amici, ero con il mio fidanzato. Mi ha fatto compagnia in macchina fino alla sbarra per entrare nella mia proprietà. Poi l’ho fatto andare via perché se c’era lui lo avrebbe ammazzato. Gli ho detto: ‘Qui ci penso io’. Sono entrata da sola, ho parcheggiato, non ho visto nessuno, sono scesa dalla macchina, ho preso la borsa da dietro e quando mi sono rimessa dritta l’ho visto alzarsi all’improvviso e svuotarmi questa bottiglia di acido in faccia. È stato rapidissimo, poi è scappato, senza dire niente”.

Gessica ha sempre detto di avere avuto il timore e il sentore che Tavares tentasse di sfregiarla con l’acido, tanto da essersi informata su come comportarsi nella malaugurata ipotesi di essere aggredita: “Il mio primo pensiero è stato: ok è acido, ho pochissimo tempo per salvarmi la vista. Così ho ragionato sul percorso più breve verso il pronto soccorso. Ho urlato ‘mi ha tirato l’acido’ … Mia madre ha aperto la porta ed è stato un miracolo che non le sia venuto un infarto. Mi avevano detto che non bisognava mettersi l’acqua in faccia e non mi sono toccata. Mi sono appoggiata alla porta e ho chiesto a mia mamma: ‘mi sto sciogliendo, vero?’’. Lei mi ha guardato con gli occhi sbarrati e ha solo annuito. Poi mi ha portato al pronto soccorso“.

omicidio noemi durini news quarto grado

Omicidio Noemi Durini news: falso profilo infanga la sua memoria, piovono insulti su Facebook

Sirene cast

Sirene cast, Valentina Bellè parla del suo personaggio: “Per le sirene i tritoni non contano nulla”