in , ,

Gianluca Buonanno choc a SkyTg24: sindaco armato in diretta tv

Nessuno se lo sarebbe mai aspettato, eppure è accaduto. Gianluca Buonanno, sindaco di Borgosesia, in provincia di Vercelli, si è presentato per un collegamento con SkyTg24 impugnando un’arma da fuoco. Buonanno, annunciando il “bonus pistola”, ha pensato bene di mostrarsi armato durante la diretta televisiva di questa mattina che è stata poi prontamente interrotta. L’europarlamentare leghista ha anche postato il video del collegamento con il noto telegiornale sulla sua pagina Facebook continuando a parlare della sua iniziativa e documentando le altre ospitate televisive degli ultimi tempi in cui gli è stata data occasione di parlarne.

Con questo gesto eclatante Buonanno ha attirato ancora più clamore mediatico sulla sua iniziativa riguardo al bonus pistola per cui aveva precedentemente affermato: “Sono stanco di vedere chi è costretto a difendersi in casa propria dall’assalto di delinquenti senza scrupoli sedersi tra i banchi degli imputati e venire sottoposto ad una vergognosa gogna mediatica” aggiungendo: “Ho deciso di costituire nel Comune di cui sono sindaco, Borgosesia, un fondo per incentivare l’acquisto da parte dei cittadini di una pistola” e concludendo con: “Voglio aumentare la capacità di difesa e la sicurezza dei miei concittadini. Ho parimenti richiesto alla Commissione Europea di costituire un fondo analogo affinché anche da Bruxelles possa arrivare un sostegno economico per la difesa dei cittadini”.

Inutile dire come si sia subito innalzato un grosso polverone ricco di polemiche. La comparsata di Buonanno armato non è piaciuta ai più, ma il sindaco si è giustificato dicendo: “Io non ho il porto d’armi. Era senza caricatore e l’ho mostrata per far vedere un modello che costa una cifra media, intorno ai 750 euro”.

fabrizio corona show in tribunale

Fabrizio Corona show in tribunale: “Sono un uomo nuovo”, intanto la mora de “Le Donatella” non smentisce la love story

scomparsa mario bozzoli news

Giallo Mario Bozzoli: l’avvocato di famiglia rimette il mandato