in ,

Gianluca Grignani concerto Borgetto, la verità sulla sfuriata del Joker

Negli ultimi giorni si è parlato ancora una volta di Gianluca Grignani. Purtroppo Joker, come viene riconosciuto dai fan, finisce sulle prime pagine dei giornali solo quando dà in escandescenze, senza cercare di andar a prendere in esame se lui possa avere ragione o meno. Un po’ come accaduto a Borgetto, a Palermo, lo scorso 5 novembre 2016 quando, durante l’esibizione live, Grignani ha deciso di abbandonare il palco senza “motivo”. O almeno, affermando che l’organizzazione è stata: “Una vergogna, non si può fare sempre così in Italia.” La rabbia di Grignani, come noto, va individuata nella presenza di una ballerina che lo ha ‘disturbato’ per tutto il corso del concerto live. Suonare in acustica con una ballerina non deve essere proprio semplice. Grignani ha cercato di tirare avanti finché ha resistito, prima di sbottare definitivamente.

>>> TUTTO SUL MONDO DI GIANLUCA GRIGNANI <<<

Nei giorni seguenti, lo stesso Gianluca Grignani, una volta sbollita la rabbia, ha deciso di inviare una lettera al Comune di Borgetto per scusarsi dell’accaduto: “Ringrazio per l’impegno che hanno prestato nei mesi precedenti al concerto gli organizzatori Piero Melissano e Piero Longo – scrive il cantautore milanese – purtroppo ci sono stati dei problemi che non sto qui a spiegare”. E’ stato il primo contatto tra l’artista e la città che lo ha prima atteso e poi accolto, sabato sera. Una serata da dimenticare: “Ci tengo a ringraziare soprattutto la gente di Borgetto – si legge nella mail inviata al Comune – che fin dalla mattina mi ha fatto sentire a casa. Un abbraccio Gianluca Grignani.”

>>> TUTTO SUL MONDO DELLA MUSICA <<<

Inoltre, secondo quanto riportato da La Repubblica, il rocker milanese, Gianluca Grignani, in accordo con il comune di Borgetto, omaggerà gli abitanti siculi con la realizzazione di magliette con immagini del concerto di sabato sera. I soldi delle vendite verranno devolute alle vittime del terremoto in Centro Italia.

caivano news padre fortuna loffredo

Omicidio Fortuna Loffredo, il padre: “Caputo è innocente, ecco chi ha ucciso mia figlia”

mostre napoli novembre 2016

Mostre Napoli novembre 2016: da Vermeer a Mimmo Jodice, fra pittura e fotografia