in

Gianluca Vacchi confessa a Matrix: “Ho rischiato la vita, adesso la amo ancora di più”

Grande successo per la prima puntata di Matrix condotta da Nicola Porro, lo scorso anno alla guida di Virus – il contagio delle idee. L’ospite della serata è stato Gianluca Vacchi, il milionario divenuto famoso sui social grazie ai video con gli amici Marco Borriello e Christian Vieri, ai balletti con la sua fidanzata Giorgia Gabriele e al suo stile di vita, che sta addirittura diventando d’esempio per molti giovani. Vacchi ha parlato della sua vita, del suo successo e del suo ultimo periodo in cui ha rischiato di morire.

Ho rischiato la vita, per questo motivo adesso la amo ancora di più. Sono stato colpito da fascite necrotizzante, una malattia che causa la morte di nove persone su dieci. Devo ringraziare il mio amico Matteo Malacco e l’amore della mia fidanzata Giorgia, mi è stata sempre vicina.” Questa la confessione di Gianluca Vacchi nella sua intervista a Matrix. Superando questo enorme ostacolo, il milionario ha acquisito ancora più voglia di vivere e di divertirsi sopratutto.

Non fumo, bevo un bicchiere di vodka una volta ogni quindici giorni quando vado in discoteca. Sono amante della disciplina, mi alleno due ore al giorno per tutti i giorni. Vivo fra Bologna, Milano e Miami.” Una lunga intervista impreziosita dalle clip postate sul suo account Instagram che, ad oggi, supera per numero di visualizzazioni quello di Rihanna, Beyoncé e addirittura Obama e Cristiano Ronaldo.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Uomini e Donne trono classico Ludovica Valli e Fabio Ferrara

Uomini e Donne anticipazioni: Ludovica e Fabio, quando andrà in onda il confronto televisivo?

FesteTrentino Alto Adige ottobre 2016

Feste in Trentino-Alto Adige ottobre 2016: dalla Festa dello Speck al mercato dello strudel