in

Gianna Del Gaudio: confessione agghiacciante all’amica prima di essere uccisa

Omicidio Gianna Del Gaudio: Antonio Tizzani rischia seriamente di essere processato. Giovedì prossimo il Gup deciderà proprio in merito alla richiesta di rinvio a giudizio formulata dal Gip nei riguardi dell’ex capostazione in pensione, indagato dalla prima ora per il delitto della moglie, sgozzata a Seriate, nella loro casa, intorno alla mezzanotte del 26 agosto 2016.

antonio tizzani news uomo incappucciato

Gianna Del Gaudio: confessione agghiacciante all’amica prima dell’omicidio

Quarto Grado, nella puntata andata in onda ieri 7 luglio, è tornato sul caso ed ha rivelato l’esistenza di due nuovi testimoni che avrebbero riferito di avere udito urla provenire dalla villetta pochi istanti prima dell’omicidio della casalinga. Ad urlare durante un acceso litigio sarebbero stati proprio Tizzani e la moglie, a confermarlo due ragazze che si trovavano in un parcheggio vicino. Come riferito agli inquirenti da un figlio della vittima e la moglie, la signora Gianna sarebbe stata da tempo maltrattata dal marito. Insulti pesanti, strattoni, violenze verbali e fisiche che Tizzani le avrebbe inflitto da tempo, talvolta anche in presenza del figlio, intervenuto per fermare il padre nell’atto di inveire con la mani sulla donna. Una vicina di casa ha riportato una frase della vittima che lo conferma: “Anche io le prendo da mio marito e mi alzo con i lividi, eppure non mi separo”. Il primogenito di Gianna ed Antonio avrebbe inoltre confermato le violenze fin da quando era piccolo, e il figlio maggiore avrebbe aggiunto anche un altro importante particolare: il padre Antonio avrebbe fatto abuso di alcol all’epoca dei fatti e ancora prima.

delitto seriate news indagini

Antonio Tizzani: botte e insulti alla moglie anche in presenza dei figli

La procura di Bergamo lo scorso novembre ha chiuso le indagini e chiesto il processo per Tizzani, da sempre unico e solo indagato a piede libero. Giovedì 11 luglio con ogni probabilità comincerà il processo a suo carico. Tracce genetiche di Tizzani furono invece rinvenute sul manico del cutter trovato in un sacchetto di plastica insieme a dei guanti in lattice, nascosti in una siepe, nell’ottobre successivo al delitto, a pochi isolati dalla villetta dei Tizzani. L’indagato – che davanti al pm si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere – ai giornalisti ha sempre raccontato che ad uccidere la moglie sarebbe stato un uomo incappucciato, fantomatico fino ad oggi e di cui gli inquirenti non hanno trovato la benché minima traccia.

Potrebbe interessarti anche: Gianna Del Gaudio marito: il grave indizio che smantella ‘pista uomo incappucciato’

Roberta Morise Instagram, foto sensuale al mare: «Magnifica! Un minuto di silenzio per l’ex!»

Everton Sousa Soares, ecco chi è il bomber della nazionale brasiliana