in ,

Gianni Versace: all’asta la faraonica villa di Miami in cui venne ucciso, nessuno la compra

La dimora dove è stato ucciso l’indimenticabile stilista Gianni Versace, in circostanze mai chiarite nel 1997 dal serial killer Andrew Cunanan, è finita all’asta. La faraonica residenza si sviluppa su 2.100 metri quadrati, si affaccia sulla famosa Ocean Drive a Miami, Florida, ha dieci camere da letto, 11 bagni e una piscina da 16 metri  mosaicata in oro 24 carati. Versace, nel 1992, aveva acquistato la proprietà spendendo 33 milioni di dollari per ristrutturarla con l’aggiunta di una nuova ala. Questa residenza ha anche un cortile ricoperto da un mosaico che rappresenta una Medusa, il simbolo della casa di moda Versace, e con molti affreschi sui muri e sui soffitti. Versace

Il presidente Lamar Fisher,  della casa d’asta Camera Fischer Auction Company, ha affermato che la villa del 1930 chiamata Casa Casuarina vale più di 50 milioni di dollari e si aspettano che venga venduta per una somma ben superiore. Una casa da sogno che, dopo la morte di Gianni, è stata acquistata per diventare un vero e proprio hotel di lusso.

La residenza è stata rimessa in vendita perché il nuovo proprietario è fallito e il prezzo iniziale è stato di ben 125 milioni di dollari ma per ora la villa, che è in vendita da più di un anno, non ha trovato un nuovo acquirente. Così il prezzo è stato ulteriormente abbassato a 75 milioni, ma ancora nessuno si è fatto avanti. Lamar Fisher, dopo che la stupenda villa di Versace è stata riportata al suo antico splendore, spera di venderla all’asta per un prezzo base di 25 milioni di dollari. L’immobiliarista pensa che la villa possa essere venduta in breve tempo e che l’asta sarà velocissima perché la dimora vale tutti i 50 milioni di dollari e spera proprio che l’offerta sia ben superiore. Il giorno dell’asta è fissato il giorno 17 settembre prossimo.

 

 

gianni morandi

Gianni Morandi nei panni di un poliziotto per Solo insieme saremo felici

Tatuaggi vip: la moda dell’estate 2013 anche tra le celebrità