in ,

Giappone corpi mutilati trovati in casa a Tokyo: fermato un 27enne

Giappone orrore in un appartamento a Tokyo, dove sono stati rinvenuti almeno nove corpi, in parte mutilati e due dei quali senza testa, nascosti in alcuni contenitori refrigeranti all’interno di una abitazione sita a Zama, nella periferia a sud della Capitale. L’agghiacciante ritrovamento è stato fatto nelle scorse ore dalla polizia, che stava indagando circa la scomparsa di una ragazza di 23 anni. L’abitazione in cui si trovavano i corpi mutilati secondo le informazioni trapelate apparterrebbe ad un uomo che aveva precedentemente scambiato messaggi online con la giovane.

>>> Terremoto oggi Trento: scossa magnitudo 3.1 a 4 km da Nago-Torbole e Brentonico <<<

L’uomo sarebbe già stato identificato e sottoposto ad interrogatorio dalle forze dell’ordine. Si tratterebbe di un 27enne e sarebbe fortemente sospettato dell’omicidio della ragazza e di altre persone. Si teme infatti che tra i resti umani trovati nel suo appartamento vi siano anche quelli appartenenti alla 23enne scomparsa. Il fermato è Takahiro Shiraishi e, come riporta Il Sole 24 Ore, “teneva i suoi macabri trofei in contenitori refrigerati. Secondo le prime risultanze, l’uomo ha confessato gli omicidi”. Diverse le segnalazioni fatte dai vicini di casa che lamentavano dei cattivi odori provenire proprio dal suo appartamento, fino dall’agosto scorso.

Gli inquirenti sono risaliti a lui analizzando diversi messaggi scambiati con la ragazza via Twitter, nei quali la giovane sembra avesse espresso la volontà di compiere un gesto suicida in comune. I resti delle persone sono stati trovati ammassati in alcuni contenitori refrigeranti ed ora saranno analizzati dalla Scientifica. Le vittime sarebbero 8 donne e 1 uomo ma si teme il numero possa salire. Indagini in corso.

I

Il Trono di Spade 6 cast, trama e news sulla messa in onda di Rai 4

l'Isola di Pietro

Replica L’Isola di Pietro ultima puntata: ecco dove vedere il video integrale