in ,

Ginevra: chi è la studentessa italiana uccisa a sprangate

Si chiamava Valentina Tarallo, aveva 29 anni ed era originaria di La Loggia, in provincia di Torino. È lei la studentessa italiana uccisa a Ginevra, in Svizzera, massacrata a colpi di spranga da un uomo che l’aveva aggredita per strapparle la borsa.

L’aggressore è un giovane africano tra i 20 e i 30 anni, in fuga e ricercato dalla polizia. Valentina era una ricercatrice, frequentava un dottorato di microbiologia molecolare, ed è stata aggredita proprio all’ingresso dell’ospedale pediatrico universitario. Uccisa a sprangate in testa per avere reagito ad un tentativo di rapina.

Valentina era una ragazza molto attiva nel volontariato e in parrocchia. I suoi familiari si trovavano in Puglia quando i carabinieri li hanno contattati per informarli della tragedia. Ora sono diretti a Ginevra, così come la sorella di Valentina, anche lei studentessa all’estero.

exporiapre gratis dal 27 maggio

Area Expo riapre gratis: dal 27 maggio sport a cielo aperto, street food e mostre

nba

Kobe Bryant ritiro, il grande giorno è arrivato: #GrazieKobe