Menu
in

Giobbe Covatta a “Vieni da me” rimprovera la Balivo: «Se mi devi intervistare, preparati!»

Oggi, 28 novembre 2019, Giobbe Covatta è stato ospite di Vieni da me, la trasmissione condotta da Caterina Balivo. Stiamo parlando di uno dei personaggi italiani più conosciuti. Un artista a trecentosessanta gradi. Covatta è comico, attore, scrittore, umorista, commediografo, attivista e politico. Insomma non gli manca davvero nulla. Insieme alla padrona di casa ha deciso di ripercorrere le tappe importanti della sua carriera e della vita privata. In questo maremoto di ricordi c’è stato un piccolo rimprovero a Caterina Balivo.

Giobbe Covatta a Vieni da me

Giobbe Covatta si è divertito a riaprire la scatola dei ricordi e ovviamente nel suo racconto non mancava quel pizzico di umorismo tipico del comico. “Fino a 30 anni io ho lavorato nel mondo della vela. Ancora oggi, se mi chiedi qual è la cosa che so fare meglio nella vita è andare in barca. Pensa che ho imparato prima ad andare in barca e poi in bicicletta”. La storia di Giobbe si apre una chicca che in pochi conoscono, ovvero la sua passione per la vela. “Ho cambiato mestiere quando ho cominciato ad avere i reumatismi”, scherza Covatta. Ovviamente la vita di mare è sempre stato un punto fisso della sua vita, tanto da aver trasmesso questa passione a tutto il resto della famiglia.


Leggi anche: Francesca Michielin stasera a X Factor: torna vittoriosa sul palco

Il matrimonio

Proprio parlando di famiglia, la Balivo sposta l’attenzione sul matrimonio di Covatta. Il suo racconto parte da una data precisa 16 luglio 1977 “Perché qualche giorno prima ho incontrato una ragazza (Paola Catella, la moglie ndr) alla quale ho detto: un giorno ti sposerò, avremo una figlia che chiameremo Olivia e avremo un cane e lo chiameremo Isotta”. Incuriosita la Balivo domanda “E quanti anni sono passati dall’avverarsi della profezia?“. Giobbe le richiede a sua volta “Quanti anni so passati?” e la presentatrice risponde “Che ne so io!“. Scherzosamente il comico la riprovera dicendole “Se mi devi intervistare, preparati!“. Il siparietto è molto ironico. Covatta è sua moglie si sono sposati ben 26 anni dopo. A sposarli fu Maurizio Costanzo mentre tra i testimoni c’era Enzo Iacchetti.