in

Giorgia Meloni: la foto sconvolgente di Danilo D’Amico, il dirigente di FdI aggredito a Ponza

Danilo D’Amico, dirigente di Fratelli d’Italia a Ponza, è stato aggredito e ferito al volto con un’arma da taglio mentre stava tornando a casa ieri sera. Il secondo pestaggio in pochi mesi: già il 28 dicembre 2018 l’uomo era stato vittima di un accoltellamento superficiale al corpo e al volto. Toccherà alle Forze dell’Ordine ricostruire quanto accaduto: soltanto le indagini potranno chiarire se dietro l’agguato ci siano delle motivazioni di carattere politico. «Ho visto due ombre e non ho avuto il tempo di reagire, mi hanno aggredito e sono fuggiti», ha spiegato Danilo D’Amico agli inquirenti. A dicembre 2018, invece, questi era stato aggredito di mattina da due uomini che non sono mai stati identificati, secondo quanto riferito da “Il Sussidiario”.

Giorgia Meloni, foto choc di Danilo D’Amico, dirigente di Fratelli d’Italia aggredito: come l’hanno ridotto

Sull’episodio ha voluto dire la sua anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli di Italia. Un duro sfogo quello della 42enne romana sui social: «Piena solidarietà e vicinanza di Fratelli d’Italia a Danilo D’Amico, dirigente di FdI a Ponza, vittima di una nuova e gravissima aggressione mentre rientrava a casa. Le immagini del suo volto ricoperto di sangue ci hanno lasciato sgomenti. Presenteremo un’interrogazione parlamentare e chiediamo che sia fatta luce su questo nuovo vigliacco episodio criminale, che colpisce un uomo impegnato sul territorio e a difesa dei cittadini».

Piena solidarietà e vicinanza di Fratelli d'Italia a Danilo D'Amico, dirigente di FdI a Ponza, vittima di una nuova e…

Pubblicato da Giorgia Meloni su Mercoledì 9 ottobre 2019

L’ex sindaco Vigorelli: «Non ci sono dubbi che il movente sia politico!»

Parole forti anche dall’ex sindaco di Ponza Vigorelli: «Non ci sono dubbi che il movente sia politico. Danilo, dirigente di Fratelli d’Italia, con la sua foga generosa, il suo entusiasmo e la sua passione, certo non la manda a dire quando ritiene giusto criticare, anche aspramente, chi sta massacrando Ponza. È proprio questo che deve far riflettere. Quando dalla normale contesa politica si passa alle mani e si continua con il coltello, vuol dire che si è toccato il fondo, che tutte le regole sono saltate, che non ci sono più le condizioni per un vivere civile».

leggi anche l’articolo —> “Otto e mezzo”, Lilli Gruber lite in tv con Giorgia Meloni: «Non si permetta!»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Francesco Facchinetti a “Vieni da me”: «Da bambino avevo un carattere complicato»

Ludovica Pagani Instagram, vitino da vespa e forme generose: «Due pere e un mandolino»