in ,

Giorgia Meloni mamma e sindaco, Berlusconi: “Non è una scelta giusta dedicarsi ad una funzione difficile e impegnativa”

A solo una settimana dalla Festa delle Donne, tutti i buoni propositi sul rispetto verso la donna in qualità di madre, moglie e lavoratrice sembrano già svaniti. A farli cadere con poche semplici battute sono state le dichiarazioni prima di Guido Bertolaso e di Silvio Berlusconi poi alla notizia della volontà di Giorgia Meloni di scendere in campo come candidata sindaco di Roma.

L’esponente di Fratelli D’Italia infatti è in stato di gravidanza, come ha annunciato in gennaio durante il Family Day e dovrebbe partorire in estate. La sua maternità sarebbe però per il candidato del centrodestra Guido Bertolaso e per il fondatore di Forza Italia Silvio Berlusconi un impedimento alla sua candidatura. Bertolaso aveva infatti dichiarato in un’intervista riferendosi alla Meloni: “Deve fare la mamma, mi pare sia la cosa più bella che possa capitare a una donna. Deve gestire questa pagina della sua vita. Non vedo perché qualcuno dovrebbe costringerla a fare una campagna elettorale feroce e, mentre allatta, a occuparsi di buche e sporcizia…”. Malgrado le polemiche e l’appoggio alla Meloni di molti esponenti della politica, ad accendere nuovamente la fiamma ci pensa Silvio Berlusconi che oggi ha sottolineato a Radio Anch’io: “Fare il sindaco di Roma significa stare 14 ore al giorno in ufficio. Io non credo che possa essere una scelta giusta per la Meloni dedicarsi ad una funzione difficile e impegnativa”.

Insomma fare la mamma e avere anche un ruolo importante e di rilievo nel mondo del lavoro e nella società non sembrano essere, per alcuni uomini, due cose conciliabili. Bertolaso vuole chiudere la questione e liquida la sua affermazione come una “battuta”. Una battuta che però a molte donne preclude la possibilità di avere un lavoro.

Foto: Facebook

ricette anna moroni la prova del cuoco

Ricette Anna Moroni a La prova del cuoco: pastiera con il riso

5 musei di fotografia

5 musei di fotografia da visitare almeno una volta nella vita