in

Giornalismo e moda: a Roma e Milano due workshop gratuiti il 13 e il 15 maggio 2014

Se ti piacerebbe scrivere di moda, non perdere l’occasione offerta dalla scuola di alta formazione Eidos Communication, che organizza il 13 maggio 2014 a Roma e il 15 maggio a Milano due workshop gratuiti per far conoscere più da vicino il mondo della comunicazione e del giornalismo di moda.

moda milano

Nel workshop di quattro ore verranno approfondite le professioni della moda: dal fashion styling al fashion blogger, fino ad arrivare all’ufficio stampa, fornendo quelle conoscenze di base che permettono di migliorare l’immagine attraverso una sfilata o un redazionale di moda, con un affondo sulle potenzialità delle nuove professioni del mondo digitale.

Appuntamento il 13 maggio a Roma nella sede di Eidos Communication, in via A. Salandra 1/a, e il 15 maggio a Milano a Palazzo delle Stelline, Corso Magenta 61.

Le due presentazioni sono state organizzate in vista dell’inizio del Master in Comunicazione e Giornalismo di Moda che fornisce tutte le competenze necessarie per diventare personal stylist o fashion editor.

Per partecipare gratuitamente è sufficiente registrarsi sul sito di Eidos Communication o inviare una mail scrivi a giornalismo@eidos.co.it. Con l’attestato di partecipazione in mano, sarà possibile sostenere le prove per accedere al Master e Moda e candidarsi all’assegnazione della borse di studio e per l’alloggio riservati ai partecipanti fuori sede.

Per saperne di più, visita la pagina dedicata.

(fonte: Scambi Europei; autore dell’immagine principale: Massimiliano Sticca, da Flickr.com)

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

ultime notizie india violenza

India, donna uccisa con 30 forbiciate perché non vuole sposarsi

tablet uso eccessivo

Giovani e internet: l’insonnia è servita