in ,

Giornata Mondiale contro il lavoro minorile: l’appello dell’ILO

Oggi si celebra la Giornata Mondiale contro il lavoro minorile, la tematica del 2013 è incentrata sul lavoro domestico.

Alla vigilia di tale Giornata si è tenuta ieri all’Associazione Stampa Estera di Roma, la conferenza stampa  dove è stata presentata l’indagine dell’ Associazione Bruno Trentin e di Save the Children.

giornata-mondiale-lavoro-minorile

Secondo i dati  del rapporto World report on child labour: economic vulnerability, social protection and the fight against child labour pubblicato dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro, il numero dei minori che lavorano attualmente è di 215 milioni, di questi 115 milioni svolgono lavori pericolosi e il lavoro domestico è in costante aumento: oggi è praticato da 15,5 milioni di bambini in maggioranza di sesso femminile.

L’ILO sul proprio sito rivolge oggi un appello alla comunità internazionale al fine di: iniziare riforme inerenti alle norme e alle politiche dirette mirate a eliminare il lavoro domestico minorile, stabilendo condizioni di lavoro dignitose e protezione ai/alle giovani lavoratori e lavoratrici domestiche che abbiano raggiunto l’età minima per poter lavorare; avviare procedure per la ratifica della Convenzione 189 dell’ILO sul lavoro dignitoso per lavoratori e lavoratrici domestiche e assicurarne l’applicazione insieme alle Convenzioni dell’ILO 182 e 138 sul lavoro minorile, attuare misure volte a rafforzare il movimento mondiale contro il lavoro minorile.
Nell’occasione della giornata di oggi si terrà un evento presso la FAO di Roma realizzato in collaborazione con l’ILO intitolato “NO! al lavoro minorile in agricoltura” mentre presso Villa Clerici di  Milano si terrà l’evento Per una cultura del diritto quali responsabilità, quali prospettive?.

L’evento milanese è stato realizzato dall’ILO  in collaborazione con l’Associazione Italiana per l’Educazione ai Media e alla Comunicazione (MED), Il Comitato Italiano delle Città Unite, il World Organization of the Scout Movement (WOSM), Fondo Provinciale Milanese per la Cooperazione Internazionale (FPMCI)

Come da programma, l’evento milanese è stato aperto stamani dal saluto iniziale a cui hanno preso parte anche il Ministro all’Integrazione Cecile Kashetu Kyenge, l’Assessore alle politiche sociali e cultura della salute della città di Milano Pierfrancesco Majorino, l’assessore al decentramento della Città di Torino, Maria Cristina Spinosa.

Sono seguiti la presentazione del progetto Giovani in azione e in tarda mattinata l’Open Space sul tema della lotta allo sfruttamento del lavoro minorile. Per il pomeriggio è previsto il momento dedicato al dibattito e al confronto sui temi dell’educazione e dell’istruzione a cui prenderanno parte anche i protagonisti del progetto SCREAM (Supporting Children’s Rights through Education, the Arts and the media).

Per ulteriori dettagli vedere il link Per una cultura del diritto, quali responsabilità, quali prospettive?

confusione tour

Moreno Donandoni svela la sua fidanzata: Ilaria Melotti è la sua musa

Frode fiscale di Lionel Messi per l’ammontare di 4 milioni di euro