in ,

Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione: poesie e aforismi raccontano del dramma dei migranti

Si celebra oggi la “Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione”, giornata in cui si ricordano tutte le persone che – in questi anni – hanno perso la vita per scappare da una vita fatta di povertà, violenza e sofferenza o solo per perseguire un sogno.

Oggi ricorre la “Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione”: era infatti il 3 Ottobre 2013 quando, a poche miglia dalle coste di Lampedusa, un barcone gremito di persone affondò causando la morte di 386 persone. Nonostante in quell’occasione il Presidente dell’Ue Junker affermò che non ci sarebbero stati “mai più morti nel Mediterraneo”, a tre anni di distanza le vittime del fenomeno migratorio che sta colpendo il mondo sono ben 11mila, delle quali oltre 3,5mila solo nel 2016. In questa giornata, riportiamo alcuni versi ma anche alcuni aforismi che raccontano il dramma degli immigrati.

Racconti di Uno, Erri De Luca

Da giorni prima di vederlo il mare era un odore
Un sudore salato, ognuno immaginava di che forma .

Sarà una mezza luna coricata, sarà come il tappeto di preghiera,
sarà come i capelli di mia madre.

Beviamo sulla spiaggia il tè dei berberi,
cuciniamo le uova rubate a uccelli bianchi.

Pescatori ci offrono pesci luminosi,
succhiamo la polpa da scheletri di spine trasparenti.
L’anziano accanto al fuoco tratta con i mercanti
Il prezzo per salire sul mare di nessuno.
(…)

Notte di pazienza, il mare viaggia verso di noi,
all’alba l’orizzonte affonda nella tasca delle onde.

Nel mucchio nostro con le donne in mezzo
Un bambino muore in braccio alla madre.

Sia la migliore sorte, una fine da grembo,
lo calano alle onde, un canto a bassa voce.

Il mare avvolge in un rotolo di schiuma
La foglia caduta dall’albero degli uomini.

(…)

Vogliono rimandarci, chiedono dove stavo prima,
quale posto lasciato alle spalle.

Mi giro di schiena, questo è tutto l’indietro che mi resta,
si offendono, per loro non è la seconda faccia.

Noi onoriamo la nuca, da dove si precipita il futuro
che non sta davanti, ma arriva da dietro e scavalca.

Devi tornare a casa. Ne avessi una, restavo.
Nemmeno gli assassini ci rivogliono.

Rimetteteci sopra la barca, scacciateci da uomini,
non siamo bagagli da spedire e tu nord non sei degno di te stesso.

La nostra terra inghiottita non esiste sotto i piedi,
nostra patria è una barca, un guscio aperto.

Potete respingere, non riportare indietro,
è cenere dispersa la partenza, noi siamo solo andata.

(…)

Faremmo i servi, i figli che non fate,
nostre vite saranno i vostri libri d’avventura.

Portiamo Omero e Dante, il cieco e il pellegrino,
l’odore che perdeste, l’uguaglianza che avete sottomesso.

Da “La società sotto assedio” di Zygmunt Bauman

Le porte possono anche essere sbarrate, ma il problema non si risolverà, per quanto massicci possano essere i lucchetti. Lucchetti e catenacci non possono certo domare o indebolire le forze che causano l’emigrazione; possono contribuire a occultare i problemi alla vista e alla mente, ma non a farli scomparire.

 

Infine, come non ricordare la poesia “A Zacinto” di Ugo Foscolo, poesia in cui l’autore ricorda con malinconia la sua terra natia:

Né più mai toccherò le sacre sponde
ove il mio corpo fanciulletto giacque,
Zacinto mia, che te specchi nell’onde
del greco mar da cui vergine nacque

Venere, e fea quelle isole feconde
col suo primo sorriso, onde non tacque
le tue limpide nubi e le tue fronde
l’inclito verso di colui che l’acque

cantò fatali, ed il diverso esiglio
per cui bello di fama e di sventura
baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.

Tu non altro che il canto avrai del figlio,
o materna mia terra; a noi prescrisse
il fato illacrimata sepoltura.

Grande Fratello Vip, Pupi Avati contro Ilary Blasi: “presentare quella roba lì è una cosa che dovrebbe costringerti al silenzio”

Grande Fratello Vip diretta: Clemente Russo squalificato, Stefano Bettarini resta nella casa