in

Giornate FAI 2016 di primavera, a Bologna e in Emilia-Romagna: i luoghi da scoprire il 19 e 20 marzo

Voglia di vivere un weekend all’insegna dell’arte? In tutta Italia il 19 e 20 marzo 2016 sarà possibile scoprire molti gioielli del patrimonio culturale italiano normalmente non accessibili al pubblico grazie alle Giornate FAI di primavera: ecco gli itinerari più belli da percorrere a Bologna e in tutta l’Emilia-Romagna.

Bologna. Dalla Biblioteca Universitaria della città, con le sue eleganti scaffalature in noce, al Palazzo della Mercanzia, dove un tempo venivano lette le sentenze del Tribunale Mercantile, fino ad arrivare al Padiglione Esprit Nouveau, progettato da Le Corbusier: sono tanti i luoghi che permettono di tuffarsi nel passato e di carpirne i segreti. Il FAI segnala in città anche due ingressi esclusivi, ovvero l’apertura di Torre Alberici, memoria della Bologna medievale, e il Palazzo Bolognetti Rambaldi, in stile rinascimentale. Apprezzate la ricchezza barocca dell’Oratorio di San Giovanni Battista dei Fiorentini, e se il tempo è bello, approfittatene per visitare Villa Spada, elegante edificio in stile neoclassico immerso nel verde.

Ma in Emilia sono molti altri gli itinerari da percorrere, che attraversano arte, storia, cultura e tradizioni: dalla bellissima Villa Alessandrini a San Prospero, nel Modenese, al Convitto nazionale Maria Luigia di Parma, dall’Archivio di Stato di Palazzo Farnese a Piacenza alle Sale del Duca a Ferrara.

Voglia di visitare un luogo insolito in Romagna? Per l’occasione a Cervia, nel Ravennate, aprono le porte al pubblico i due Magazzini del Sale (Torre e Darsena), esempio magistrale di archeologia industriale del territorio: occasione che vi permetterà di avvicinarvi ai processi di lavorazione del sale e di capire l’importanza di questo elemento nello sviluppo del territorio.

SCOPRI TUTTE LE IDEE DI VIAGGIO SU URBAN POST!

Se volete ripercorrere le orme di Giovanni Pascoli, raggiungete l’entroterra forlivese e in particolare San Mauro Pascoli per visitare la casa natale del poeta, che qui vi ha trascorso l’infanzia rievocata in tante poesie con affetto e nostalgia. A Cesena, tra gli altri luoghi, vale la pena di visitare la Rocchetta di Piazza, architettura militare che offre un bellissimo scorcio su Piazza del Popolo, o ancora la Biblioteca Malatestiana, con i suoi arredi lignei e il ricco patrimonio archivistico.

A Rimini, scoprite (su prenotazione) lo storico Teatro Galli, distrutto dai bombardamenti e restituito a nuova vita nell’ultimo decennio: visita che può essere abbinata a quella dei vicini Palazzo dell’Arengo, Palazzo del Podestà e Palazzo Garampi.

Vi abbiamo convinto a scegliere un itinerario in regione? Visitate il portale ufficiale, dove oltre all’elenco completo dei luoghi trovate indirizzi, orari di apertura ogni singolo sito ed eventuali modalità di prenotazione: buona scoperta!

In apertura: i giardini di Villa Spada a Bologna – Image Credit pio 3/Shutterstock.com

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

massimo bossetti motivazioni sentenza appello

Caso Yara Gambirasio, Bossetti in aula: “Il Dna non è il mio, tirate fuori vere prove”

Ballando con le Stelle 2016, rissa nel backstage: Pierre Cosso portato d’urgenza in ospedale