in

Giro d’Italia 2015 decima tappa: a Forlì Boem rovina i piani dei velocisti

Dopo la pausa di ieri riprende il Giro d’Italia 2015. La decima tappa è lunga 200 Km, con partenza da Civitanova Marche e arrivo a Forlì, è stata appositamente pensata per i velocisti puri. La vera insidia di questa tappa sarebbe potuta essere rappresentata dall’insidioso finale: gli ultimi 1500 metri sono in pavé, con strada stretta e due curve insidiose prima dei 500 metri. I corridori hanno affrontato un’unica asperità, se può essere definita tale, un Gpm di quarta categoria posto ai -90 Km. Gara tranquilla per la maglia Rosa e gli uomini di classifica, il lavoro duro oggi lo hanno, infatti, compiuto le squadre dei velocisti, impegnate a ricucire il distacco con la fuga, partita dopo soltanto 4 Km.

Per la prima volta in questo Giro d’Italia 2015 la fuga è composta esclusivamente da corridori italiani: Gatto (Androni-Sidermec); Boem (Bardiani-Csf); Malaguti (Nippo-Vini Fantini); Marangoni (Cannondale-Garmin) e Busato (Southeast). I 5 coraggiosi hanno raggiunto un massimo vantaggio di 4’50” ma il loro destino sembrava essere segnato fin dai primissimi chilometri, viste le pochissime opportunità concesse ai velocisti dagli organizzatori di questo Giro d’Italia 2015. Il lavoro maggiore all’inseguimento dei 5 davanti è stato messo in atto dalla Lotto Soudal, squadre del campione tedesco e favoritissimo Andrè Greipel.

Ammirevole, comunque, lo sforzo dei 5 corridori in fuga che hanno reso davvero difficile la vita al gruppo che li inseguiva. I 5 diventano 4 quando lo sfortunatissimo Gatto fora una ruota ai meno 12 dall’arrivo. Il finale di tappa è emozionante: il gruppo maglia rosa, forse messosi all’inseguimento troppo tardi, spinge forte, ma i 4 non si arrendono e ai -5 Km hanno ancora un vantaggio di 1′. Nel finale Marangoni sorprende i compagni di fuga, sull’uomo della Cannondale si riporta Boem che trionfa sul traguardo di Forlì, scombinando completamente i piani delle squadre dei velocisti. Sfortunato Richie Porte che, a causa di un guasto meccanico perde una trentina di secondi dal gruppo maglia rosa.

andrea cerioli e valentina rapisarda

Uomini e Donne, Andrea Cerioli e Valentina Rapisarda ci danno un taglio

La suoneria del cellulare disturba il feto ecco perchè

Gravidanza: la suoneria del cellulare disturba il feto, ecco cosa succede