in

Giro d’Italia 2016 classifica stravolta, Nibali vince e Chaves in Rosa, Kruijswijk a 5′

Il Giro d’Italia sembrava ormai ipotecato da Steven Kruijswijk. L’olandese ha sempre dimostrato di star meglio di Chaves, ma soprattutto di Vincenzo Nibali. Ma il ciclismo è uno di quegli sport in cui mai niente è scontato e la minima distrazione può costare cara. Chiedere a Steven Kruijswijk, scivolato contro un muro di neve a 50 Km dal traguardo, lungo la discesa del Colle dell’Agnello (cima Coppi del Giro d’Italia 2016). Nibali e Chaves hanno dunque approfittato della caduta dell’olandese, prendendo il largo. Poco più avanti di Kruijswijk è caduto anche Ilnur Zakarin, quinto in classifica, il quale è stato molto più sfortunato rompendosi la clavicola. Giro finito per lui.

Tutti aspettavano la riscossa dello Squalo, e Nibali non ha deluso i suoi tifosi. Poi se in squadra hai compagni del calibro di Michele Scarponi, transitato primo sul Colle dell’Agnello con 5′ di vantaggio sul gruppo maglia Rosache si ferma ad aspettare il suo capitano per mettersi a sua disposizione, il gioco è ancora più facile. Così sulla rampa finale del Risoul, ai -5,5 Km, Nibali sferra l’attacco a Chaves che, dopo una breve resistenza, perde contatto con lo Squalo, tornato quello dei giorni migliori. Il colombiano si gestisce e arriva terzo a 50″ da Nibali che con un’impresa (e un po’ di fortuna) riapre il Giro d’Italia in attesa del gran finale di domani. Al traguardo, Nibali scoppia in lacrime:” La dedica è per Rosario Costa (14 enne messinese allievo dell’accademia Nibali, tragicamente morto in un incidente n.d.r.). Devo comunque ringraziare la squadra, sono stati grandi. Rimango con i piedi per terra in vista della difficile tappa di domani”. Ed ecco la classifica generale del Giro d’Italia 2016: 

Classifica generale Giro d’Italia 2016: Esteban Chaves (Orica Green Edge) 78h 14′ 20″; 2° Vincenzo Nibali (Astana) +44″; 3° Steven Kruijswijk (Lotto Nl Jumbo) +1’05”; 4° Alejandro Valverde (Movistar) +1’48; 5° Rafal Majka (Tinkoff) +3’59”; 6° Bob Jungels (Etixx Quick Step) +7’53”; 7° Andrey Amador (Movistar) + 9’34”; 8° Rigoberto Uran Uran +12’18”; 9° Kanstantsin Siutsou (Dimension Data) +13’19”; 10° Domenico Pozzovivo (Ag2r La Mondiale) +14’11”.

Cancro smartphone orecchio

Cancro: esiste una correlazione fra smartphone e neoplasie al cervello, studio USA conferma

GLORIA ROSBOCH CHIUSE INDAGINI

Gloria Rosboch, Gabriele Defilippi: la madre resta in carcere, rigettata istanza