in

Giro d’Italia 2016 diretta prima tappa, vince Dumoulin che indossa la prima maglia Rosa

Si è conclusa la prima tappa del Giro d’Italia 2016, vince Tom Dumoulin che indossa la prima maglia Rosa di questo Giro d’Italia.

Stoico Cancellara, 8° in 11’17”.

Buon tempo per Vincenzo Nibali che chiude in 11’22”, guadagnando 5″ su Valverde e 21″ su Mikel Landa.

Tempo alto per Cancellara all’intertempo, peggio anche di Vincenzo Nibali. Evidentemente condizionato dai problemi di salute.

Caduta anche per il talentuoso Kung che ha mandato in fumo la sua ottima prova.

Occhio a Stephan Kung (Bmc), 1″ di ritardo da Dumuolin all’intertempo.

7″ di ritardo per Nibali da Dumoulin all’intertempo. 2″ di vantaggio su Valverde.

Al via anche l’ultimo partente Michael Hepburn (Orica Green Edge).

Scatta Fabian Cancellara (Trek-Segafredo), debilitato da un virus intestinale nella giornata di ieri, ma comunque tra i principali favoriti per la vittoria di tappa.

11’41” per Rafal Majka, 2″ meglio rispetto a Landa.

11’27” per Alejandro Valverde che si piazza diciannovesimo.

11’03” per Tom Dumoulin che scalza, per questione di centesimi, Primoz Roglic dalla prima posizione.

Male Mikel Landa, 40″ da Roglic.

E’ l’ora di Rigoberto Uran Uran (Cannondale) subito dopo sarà il turno di Vincenzo Nibali che torna al Giro d’Italia dopo due anni di assenza.

Miglior tempo all’intertempo per Tom Dumoulin che ha già 14″ di vantaggio su Mikel Landa.

Si presenta in pedana Filippo Pozzato (Southeast).

Parte la cronometro del polacco Rafal Majka, capitano della Tinkoff.

E’ il turno di Alejandro Valverde (Movistar) che a 36 anni fa il suo esordio al Giro d’Italia.

Scatta anche il principale favorito per la vittoria di tappa, il padrone di casa Tom Dumoulin (Giant – Alpecin).

Al via anche Mikel Landa, principale rivale di Vincenzo Nibali.

Tocca a Ilnur Zakarin (Katusha) uomo di classifica del team russo e vincitore a Imola nella passata edizione.

Classifica provvisoria a poco più di mezz’ora dalla fine della prima tappa del Giro d’Italia 2016: Dumoulin 11’03”; Roglic +0″; Amador +6″; Ludvigsson +8″; Kittel +11″; Moser +12″; Jungels +13″; Brandle +14″; Cancellara +14″.

Scattato Esteban Chaves, partiranno in sequenza nell’ordine: Jungels, Colbrelli, Siutsou, Zakarin e Pozzovivo.

Caduta per Jos Van Emden (Lotto Nl-Jumbo) non ci sono conseguenze per il corridore.

Deludente Manuele Boaro, 11° con 18″ di ritardo da Roglic.

Seconda posizione per Andrey Amador (Movistar) in 11’09”.

Partito Davide Formolo (Bardiani – Csf) vincitore nella tappa di La Spezia nella scorsa edizione del Giro d’Italia e tra i principali favoriti per la vittoria della maglia bianca, dedicata al miglior under 25.

Alle 16:40 scatterà Esteban Chavez (Orica Green Edge) primo tra i grandi favoriti per la vittoria finale.

3° Kittel, riuscito a fare meglio di 1″ rispetto a Moreno Moser che scivola 4°.

Al via anche Manuele Boaro (Tinkoff) specialista delle gare a cronometro.

Si prepara a scattare Elia Viviani, velocista del Team Sky.

Ottimo Moreno Moser (Bardiani – Csf) terzo in 11’15”.

Tempo straordinario di Primo Roglic (Lotto Nl-Jumbo) in 11’03” si aggiudica la prima piazza momentanea. Secondo Ludvigsson a 8″.

Marcel Kittel (Etixx Quick Step) comincia la sua prova a cronometro.

Dopo il miglior tempo all’intertempo, Tim Wellens (Lotto Soudal) non riesce ad andare oltre il 14° tempo. Ulteriore conferma di come il vento nella seconda parte condizioni parecchio le prove dei corridori.

Scatta Giovanni Visconti (Movistar) detentore della maglia azzurra, assegnata al miglior scalatore del Giro d’Italia.

Buon tempo per Silvain Dillier (Bmc), 3° in 11’19”.

Martijn Keizer (Lotto Nl-Jumbo) dopo una gran prima parte, perde 10″ da Ludvigsson e si posiziona al 4° posto con 11’20”.

Ottimo tempo anche per Georg Preidler, 3° in 11’20”, compagno di Ludvigsson e Dumoulin che scatterà alle 16:47.

Jack Bobridge (Trek-Segafredo), tra i favoriti alla vigilia, ha deluso le aspettative chiudendo in 11’45”.

Nessun corridore italiano tra i primi 10 classificati.

E’ scattato anche Nicola Boem (Bardiani – CSF), vincitore di una tappa al Giro nella passata stagione.

Resiste ancora il tempo di Ludvigsson, nel frattempo scatta il nostro Matteo Pelucchi (Iam).

Tobias Ludvigsson (Giant-Alpecin) si prende la prima posizione provvisoria con un eccezionale 11’11” con 6″ di vantaggio su Brandle e 12″ su Wisiniowski.

Lukas Wisiniowski (Etixx Quick Step) si piazza al 2° posto con un 1″ di vantaggio su Kangert.

Splendida cornice di pubblico e una bella giornata di sole per questa prima tappa del Giro d’Italia 2016.

Il miglior tempo è di Matthias Brandle (IAM) con 11’17”, secondo Kangert a 7″ di ritardo, terzo Hofland con 11″ di ritardo.

E’ partito Tanel Kangert (Astana), uno dei principali gregari di Vincenzo Nibali che partirà alle 16:56.

Ottima prova del canadese Sven Tuft (Orica Green Edge) che si posiziona 2° a 1″ da Hofland.

Greipel è stato scalzato dalla prima posizione dall’olandese Moreno Hofland (Lotto Nl-Jumbo) che ha fermato il cronometro a 11’28”.

Il miglior tempo, fino a questo punto, è di Andrè Greipel (Lotto-Soudal) che ha percorso il tracciato in 11’37”.

In questo momento sta per partire il ventitreesimo corridore, Matteo Trentin (Etixx-Quick Step)

ore 13.45: Fabio Sabatini è partito, comincia ufficialmente il Giro d’Italia 2016.

Manca ormai pochissimo alla partenza del Giro d’Italia 2016. Sarà Fabio Sabatini (Etixx-Quick Step), alle ore 13.45, a dare il via alla 99 esima edizione della Corsa Rosa. Bagno di folla nella cittadina di Apeldoorn che ieri ha accolto nel migliore dei modi l’arrivo delle squadre e oggi assisterà numerosa alla “Big Start” del Giro d’Italia 2016. Dopo Sabatini, i corridori scatteranno dalla pedana ogni minuto e si lanceranno lungo i 9.8 Km di Apeldoorn tra rettilinei e dossi. Problemi nella notte per Fabian Cancellara, grande favorito a indossare la prima maglia rosa del Giro d’Italia 2016, colpito da un attacco febbrile. L’ultima partenza, prevista alle 17.02, sarà di Michael Hepburn (Orica Green Edge). Il rilevamento cronometrico sarà effettuato quando mancheranno 5 Km all’arrivo. Ed ecco gli orari di partenza dei big di questo Giro d’Italia 2016: Greipel 13.54; Mezgec 15.33; Moser 16.19; Viviani 16.32; Landa 16.47; Valverde 16.48; Dumoulin 16.51; Pozzato 16.55; Uran 16.56; Nibali 16.58; Cancellara 17.01.

I vantaggi delle spedizioni on line tramite broker

I vantaggi delle spedizioni on line tramite broker

Tom Dumoulin

Giro d’Italia 2016 prima tappa, Dumoulin vince ad Apeldoorn e si prende la maglia Rosa