in

Girobussola, a Bologna itinerari per non vedenti

È un’esperienza assolutamente innovativa quella messa in piedi nell’ottobre 2013 dall’Associazione Girobussola di Bologna, che realizza visite guidate nella città costruite sulle esigenze specifiche di persone con disabilità visiva.

Mostra Fotografia Industriale Bologna 2013

Obiettivo del progetto: promuovere la mobilità di persone ipovedenti e cieche, facendo vivere un’esperienza completa di viaggio, incontro, dialogo e scambio con una comunità, al di fuori dalle reti del turismo di massa e dei tour organizzati “all inclusive”.

Dietro c’è un team di una decina di ragazzi, tutti under 30, capitanati dalla ventiquattrenne Marta Giacomoni, che per rendere possibile tutto questo ha pensato ad itinerari specifici di conoscenza della città adottando una prospettiva multisensoriale che si avvale di supporti specifici creati appositamente per una migliore comprensione degli spazi urbani e delle bellezze architettoniche.

Via libera, allora, a mappe tattili per l’orientamento ma soprattutto a stimoli sonori, olfattivi e tattili per far riscoprire le infinite possibilità offerte dal patrimonio storico, architettonico e museale della città di Bologna. Oltre agli eventi proposti dal ricco panorama artistico-musicale.

La durata dei percorsi varia da mezza giornata a due/tre giorni (con possibilità di soggiorni anche più prolungati), durante i quali il visitatore avrà costantemente a fianco un tutor esperto che lo guiderà sia fisicamente che nella conoscenza della città.

I partecipanti non hanno bisogno di accompagnamenti ulteriori e possono quindi organizzare in autonomia il loro viaggio a Bologna, concordando l’incontro nel luogo di arrivo come la stazione, l’autostazione o l’aeroporto.

Per saperne di più, visita il sito ufficiale.

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Ricompra l’azienda che lo aveva licenziato e riassume i suoi ex colleghi

giornalista tirocini

Giornalismo, tirocini retribuiti all’estero