in

Giulia Di Sabatino trovata dilaniata sotto cavalcavia, genitori: “Non archiviate il caso!”

Morte Giulia Di Sabatino ultime notizie: i genitori della giovane deceduta la notte del 1° settembre 2015, giorno del suo compleanno, non si arrendono. Chiedono verità su quanto accaduto alla loro figlia, il cui corpo dilaniato venne rinvenuto sotto un cavalcavia della A14 tra Giulianova e Mosciano. La coppia non ha mai creduto al suicidio, pista ritenuta la più plausibile dagli inquirenti, e chiedono che il caso non venga archiviato. Per questo sono stati ospiti di Chi l’ha visto? per tenere alta l’attenzione sul caso, affinché non cada nel dimenticatoio.

Genitori di Giulia Di Sabatino

Ad oggi sono tre le persone indagate: si tratta dell’uomo ‘della panda rossa’, che la notte del 1 settembre 2015 era stato visto proprio in compagnia di Giulia alla guida di una Fiat Panda di colore rosso. Lui, 25enne di nome Davide, solo dopo diversi mesi dall’apertura delle indagini si presentò agli inquirenti, dopo che questi avevano diffuso la notizia che un Dna maschile era stato trovato sugli slip di Giulia. Spontaneamente il ragazzo aveva dichiarato: “Sì, sono io il ragazzo della Panda Rossa, ho fatto l’amore con Giulia, poi l’ho lasciata sul cavalcavia. Erano circa le 4 e 30 del mattino”. I due avrebbero avuto un rapporto sessuale a casa di lui, che poi avrebbe lasciato Giulia sul viadotto. Il secondo indagato è un uomo che le avrebbe dato un passaggio con la moto, e il terzo è un uomo di Giulianova rinviato a giudizio in altra inchiesta per pedo pornografia, cui gli inquirenti sono arrivati dopo aver trovato sul telefonino di Giulia dei messaggi ambigui e foto osè della giovane inviate proprio a lui. Nel testo di alcuni messaggi risalenti a 6 mesi prima la ragazza esprimeva la chiara volontà di interrompere ogni tipo di rapporto con lui.

Sulla scorta di questi elementi indiziari i genitori di Giulia, assistiti dall’avvocato Antonio Di Gaspare, chiedono si facciano ulteriori approfondimenti perché proprio da lì si potrebbe arrivare alla scoperta che Giulia è stata uccisa. La madre della ragazza, ospite del contenitore mattutino di Chi l’ha visto?, è stata molto dura con la magistratura inquirente: “A chi vuole archiviare la sua morte dico che tutto dimostra la sua voglia di vivere. Non sono stati verificati i punti indicati dal Gip che aveva ordinato di indagare ancora”, sempre più decisa a combattere per la verità.

Leggi anche: Morte Giulia Di Sabatino news: la testimonianza di un camionista ribalta la ricostruzione fatta finora dagli inquirenti

Orietta Berti racconta il suo dramma: «È mai possibile …»

“Sulla mia pelle”: polemiche per le proiezioni collettive gratuite del film su Stefano Cucchi