in

Giuseppe Marchesano giustiziato in casa: prime evidenze dalle indagini

Omicidio Giuseppe Marchesano news oggi: il 27enne trovato morto nella sua casa di Castel del Bosco, frazione del comune di Montopoli Valdarno, nel Pisano, è stato raggiunto da quattro colpi di arma da fuoco alla testa. E’ stato giustiziato in casa da qualcuno cui probabilmente aveva aperto la porta. Lo hanno trovato morto sul divano gli amici, recatisi in casa sua perché da un giorno non rispondeva alle lor telefonate. Gli investigatori sono al lavoro, impegnati nella ricostruzione delle sue ultime ore di vita.

Leggi anche —> Scomparsa a Rimini: Nadia va via in auto alle 4 del mattino e fa perdere le sue tracce

Faceva il meccanico, aveva la passione per i motori ed era un bravo ragazzo. Aveva molti amici e chi lo conosceva è scioccato per quanto accaduto. Nell’abitazione teatro del delitto, Giuseppe si era trasferito a vivere da due anni. Era riservato, frequentava alcuni locali e ogni tanto andava a prendere la pizza in compagnia di amici. Amici spesso non del posto, che lo venivano a trovare da fuori. La sua rete di amicizie sarebbe dunque variegata, alcune frequentazioni mantenute anche grazie ai social network: tutto adesso è al vaglio degli inquirenti. La famiglia ès gomenta e nn si capacita di quanto accaduto.

In casa nessun segno di effrazione, nel sopralluogo del Ris è stato appurato. Sotto sequestro computer telefonoauto furgone della ditta per cui lavorava il ragazzo. Altamente probabile che la vittima conoscesse il suo assassino. Al vaglio degli inquirenti anche le immagini registrate da alcune telecamere private presenti a Castel del Bosco, la speranza e che sia stato immortalato il passaggio del killer. Non si trova nemmeno la pistola con cui il 27enne è stato barbaramente giustiziato. In questa prima e delicata fase di indagini nessuna pista investigativa può dirsi esclusa.

Sasha Banks wwe wrestling

Sasha Banks WWE Wrestling intervista esclusiva: “Mi alleno ogni giorno per essere la migliore”

Riforma Scuola 2019, sindacati sul piede di guerra: “Necessità di nuovi concorsi per il personale”