in ,

Giuseppe Sala indagato: il Sindaco di Milano in una lettera spiega perché si è auto-sospeso

Giuseppe Sala indagato: il sindaco di Milano si è autosospeso

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, si è autosospeso. L’annuncio inaspettato questa notte, dopo avere appreso “da fonti giornalistiche” di essere indagato nell’ambito di un’inchiesta per turbativa d’asta e corruzione partita nel 2012, che ha visto finire nelle indagini anche la gestione dell‘appalto della ‘Piastra dei servizi’ di Expo 2015, l’appalto più importante di tutto il complesso espositivo di di Rho-Pero – di cui Sala è stato appunto amministratore delegato. I reati che gli sarebbero contestati sono concorso in falso ideologico e falso materiale. Del resto Sala era stato il primo, al tempo della sua candidatura a primo cittadino di Milano, ad annunciare che se si fosse trovato coinvolto in una vicenda giudiziaria avrebbe fatto un passo in dietro, per consentire ai magistrati di fare chiarezza e non ledere l’immagine della città. L’iscrizione nel registro degli indagati del sindaco Giuseppe Sala è avvenuta dopo che il Gip aveva bocciato la richiesta della Procura di Milano di archiviare il fascicolo di inchiesta, decidendo invece per una proroga di 6 mesi. Da un mese le indagini sono nelle mani della Procura generale e coordinate dal sostituto pg di Milano Felice Isnardi.

sala indagato e dimesso

Giuseppe Sala indagato: la lettera con le motivazioni

“Ho appreso da fonti giornalistiche di essere iscritto nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla “piastra Expo”. Non ho al momento ricevuto alcuna comunicazione ufficiale ritengo che l’attuale situazione determini per me un ostacolo temporaneo a svolgere le funzioni e pertanto, ai sensi dell’art. 53, comma 2, del D.LGs 267/2000 e dell’art. 42 dello Statuto del Comune di Milano e dell’art. 21 dello Statuto della Città Metropolitana, sarò sostituito nell’esercizio di dette funzioni rispettivamente dalle Vice Sindaco Dott.ssa Anna Scavuzzo e Dott.ssa Arianna Censi.

La mia assenza è motivata dalla personale necessità di conoscere, innanzitutto, le vicende e i fatti contestati; pertanto, fino al momento in cui mi sarà chiarito il quadro accusatorio, ritengo di non poter esercitare i miei compiti istituzionali.

La prossima settimana mi presenterò al Consiglio del Comune di Milano e della Città Metropolitana per riferire in merito.”

milano-natale

Giuseppe Sala indagato: ecco perché può autosospendersi

Giuseppe Sala, sindaco di Milano, dopo essere stato indagato ha deciso di auto-sospendersi. Nella giornata di oggi, 16 dicembre 2016, ha voluto comunicare la sua decisione attraverso la lettera spiegando perché può esercitare il diritto di auto-sospensione, nonostante lo Statuto del Comune di Milano non preveda l’istituto giuridico dell’autosospensione. Lo ha fatto con una lettera in cui fa riferimento all’articolo 42 dello Statuto, che recita testualmente: “Il vicesindaco coadiuva il sindaco e lo sostituisce in caso di assenza o di impedimento temporaneo, nonché nel caso di sospensione del sindaco stesso dall’esercizio della funzione ai sensi della legge e negli altri casi previsti dall’articolo 38”. Inoltre, deve avvenire: “Per dimissioni, rimozione, decadenza e decesso”. Inoltre, Sala chiama in causa l’art.53 del Testo unico degli enti locali.

Giuseppe Sala indagato: cosa recita l’art.53 del Testo Unico degli Enti Locali

Dimissioni, impedimento, rimozione, decadenza, sospensione o decesso del sindaco o del presidente della provincia

  • 1. In caso di impedimento permanente, rimozione, decadenza o decesso del sindaco o del presidente della provincia, la Giunta decade e si procede allo scioglimento del consiglio. Il consiglio e la Giunta rimangono in carica sino alla elezione del nuovo consiglio e del nuovo sindaco o presidente della provincia. Sino alle predette elezioni, le funzioni del sindaco e del presidente della provincia sono svolte, rispettivamente, dal vicesindaco e dal vicepresidente.
  • 2. Il vicesindaco ed il vicepresidente sostituiscono il sindaco e il presidente della provincia in caso di assenza o di impedimento temporaneo, nonché nel caso di sospensione dall’esercizio della funzione ai sensi dell’articolo 59.

virginia raggi

Arrestato Marra: Virginia Raggi: “Un semplice dipendente comunale”, ma c’è un precedente pericoloso

Uomini e Donne gossip: Gianni Sperti parla di Riccardo e Camilla

Uomini e Donne gossip: Gianni Sperti parla di Riccardo e Camilla