in ,

Gli italiani: i primi consumatori di integratori in Europa

Italiani, pizza, spaghetti, mandolino… e integratori” parafrasando la battuta tratta da una scena del film di Fantozzi, quando il ragionier Ugo e il suo fedele collega Filini vanno a fare camping tra roulotte e tende piene di stranieri.

fantozzi e filini campeggio

Stando infatti a FederSalus (l’Associazione Nazionale Aziende Prodotti Salutistici) gli italiani sono, una volta tanto, i primi nella classifica europea per l’acquisto di integratori e vitamine. Finora, infatti, sono stati spesi oltre 1,6 miliardi di euro in un anno, per l’acquisto di questi prodotti così come, una ricerca condotta da Gfk Eurisko ha sottolineato come ben tre quarti delle persone intervistate, hanno dichiarato di utilizzare prodotti salutistici almeno una volta all’anno, per mantenere o migliorare la propria condizione di benessere.

Anche il resto del “vecchio continente“, però, non scherza. Nello scorso 2012, sono stati spesi nella sola Europa occidentale, ben 7,5 miliardi di euro in integratori e complessi vitaminici, dato in crescita rispetto all’anno precedente dell’1,5%, a dimostrazione che il mercato di questi prodotti non conosce crisi.

Tantissime le tipologie di prodotti salutistici che trovano facile mercato. Al primo posto ci sono i fermenti lattici, seguiti da integratori salini, quelli per il controllo del peso, gli integratori multivitaminici, le singole vitamine o quelle che non è possibile trovare in complessi multivitaminici, i prodotti lassativi e quelli sistemici per i capelli.

integratori

È quanto emerso al recente Salone Internazionale per l’industria nutraceutica, cosmeceutica, functional foods & drinks e health ingredients (Nuce International) e al Food-ing International, quest’ultima una esposizione dedicata al food & beverage di tutti i settori dell’industria alimentare e delle bevande, tenutesi entrambe dal 24 al 26 Settembre a Fieramilanocity. Quest’anno, infatti, le due manifestazione sono state riproposte contemporaneamente per creare tra loro forti sinergie, come ha sottolineato anche Marco Pinetti, presidente di Artenergy Publishing, che ha organizzato l’evento.

Seguici sul nostro canale Telegram

La raccolta differenziata i risultati ci spingono avanti

Pechino Express 2: Marco Maddaloni sostituisce l’infortunata Alessandra Sensini