in ,

Gloria Rosboch cadavere: nuove inquietanti rivelazioni sulla morte

Scrive La Sentinella del Canavese che la povera Gloria Rosboch sarebbe stata strangolata sia da Roberto Obert che da Gabriele Defilippi. I complici e amanti, che oggi si odiano e si accusano a vicenda del delitto della insegnante di Castellamonte, l’avrebbero assassinata fisicamente insieme. Uno avrebbe immobilizzato la donna, mentre l’altro avrebbe stretto la corda attorno al suo collo fino a toglierle la vita.

Il cappio mortale, sempre secondo l’indiscrezione, potrebbe anche essere passato di mano in mano. A rivelarlo la relazione medico-legale depositata in Procura, dalla quale si evincerebbe tutta una serie di ferite sul corpo dell’insegnante, provocate prima del decesso. L’esame autoptico ha infatti rivelato la presenza di un importante livido sul ginocchio della donna e numerosi graffi che niente avrebbero a che vedere con il trascinamento del corpo post mortem, ma sarebbero la prova che la professoressa Rosboch abbia lottato con i suoi efferati assassini, cercando disperatamente di reagire alla loro presa mortale per salvarsi.

La ricostruzione della probabile dinamica del delitto, potrebbe presto trovare nuove conferme dall’analisi dei Ris nell’auto di Roberto Obert, sul cui parabrezza (fatto in tutta fretta sostituire dal 54enne subito dopo l’omicidio) è stata identificata una strana ammaccatura che potrebbe essere stata proprio la Rosboch a provocare, negli ultimi istanti di vita, mentre lottava disperatamente per la vita.

Riforma Pensioni 2017 precoci esodati donne e sindacati manifestazione

Riforma pensioni 2016 ultime novità: precoci ed esodati, “Ora o mai più”, organizzano la manifestazione del 19 maggio

etiopia appello umanitario

Famiglie senza cibo in Etiopia: “Per bere dobbiamo camminare 4 ore”