in ,

Gloria Rosboch insegnante scomparsa: la verità nel suo profilo Facebook?

Una truffa “molto articolata” (queste le parole usate dall’avvocato della famiglia Rosboch, Stefano Caniglia) e organizzata sapientemente, la concreta certezza di un raggiro, una intensa corrispondenza via mail, un diario segreto e lo spettro di una coppia di adulti dietro le ‘manovre’ di Gabriele, l’ex allievo che avrebbe raggirato la professoressa Gloria Rosboch, sparita da Castellamonte, nel Torinese, ormai 24 giorni fa.

Questi gli elementi in mano alla procura di Ivrea che indaga sulla sparizione della 49enne, ipotizzando il reato di omicidio. L’ex alunno al quale la Rosboch consegnò 187mila euro per un presunto investimento in Costa Azzurra rivelatosi poi fasullo, a giorni sarà sentito dagli inquirenti ma non è indagato. Tuttavia dal tenore delle mail che inviava alla docente si evincerebbe la presenza di persone esperte ‘dietro le quinte’ a manovrare il raggiro in cui sarebbe caduta la donna. Un linguaggio forbito, ricercato e non consono ad un ragazzino non ancora ventenne all’epoca dei fatti in oggetto, lascerebbe infatti presagire la complicità di una coppia di adulti. Una donna, in particolare, che spacciandosi per direttrice di banca avrebbe rassicurato la professoressa, titubante all’idea di consegnare tutti i suoi risparmi a quel giovane del quale si era invaghita e che le prospettava la possibilità di cambiare vita, insieme, all’estero.

Stamani a Storie Vere, su Rai 1, si è parlato del caso e si è fatto il punto sulle indagini. L’inviata di Eleonora Daniele ha riferito che oltre alle succitate mail e appunti scritti della insegnante scomparsa, sarebbe in queste ore oggetto di indagine da parte della Procura anche il profilo Facebook di Gloria Rosboch. Dopo la perdita del denaro e la repentina e sospetta sparizione del ragazzo, infatti, la professoressa avrebbe più volte cercato invano di mettersi in contatto con lui, anche via social network. Gabriele tuttavia per rendersi irreperibile avrebbe chiuso il suo profilo Facebook, e sempre via social Gloria Rosboch sarebbe stata contatta dalla madre del ragazzo, che le avrebbe detto che anche il figlio sarebbe stato “truffato”, da un uomo.

Parroco esorcismo smartphone tablet

Perugia, parroco esorcizza smartphone e tablet: “I fedeli guardano troppi siti a luci rosse”

storie spose bambine

Speciale spose bambine: Fatimata finita a partorire in un campo profughi a 15 anni