in

Gloria Rosboch uccisa da ex alunno, nuova vita in carcere per Gabriele Defilippi: ora è studente universitario

Gloria Rosboch uccisa da ex alunno: Gabriele Defilippi – reo confesso del delitto e pentito per l’atroce crimine commesso – è davvero intenzionato a diventare un uomo nuovo. La sua trasformazione è già in atto; diplomatosi nei mesi scorsi, è oggi uno studente universitario di Scienze Politiche. Dopo il silenzio seguito alla condanna a 30 anni di carcere in primo grado, Gabriele ieri ha presenziato, a Torino, alla cerimonia per i 20 anni del polo universitario del carcere Lo Russo e Cutugno di Torino: “L’università è un primo passo del mio percorso di riabilitazione”, ha detto.

TUTTO SUL DELITTO ROSBOCH: LEGGI SU URBANPOST

Gabriele Defilippi: un uomo nuovo grazie allo studio

“Studiare è un modo per chiedere scusa ai genitori della professoressa Gloria Rosboch. Da quando sono in carcere sono una persona diversa, ho abbandonato i personaggi che recitavo prima ma tutti i giorni faccio i conti con la mia coscienza”, questo il suo pensiero di ragazzo, oggi 25enne, finalmente consapevole dei gravi errori commessi e pentito. Il giovane il 13 gennaio 2016 strangolò la ex professoressa – che aveva precedentemente truffato, sottraendole con l’inganno 187mila euro – con la complicità dell’allora amante, Roberto Obert, condannato a 19 anni di reclusione. Il cadavere di Gloria Rosboch fu denudato e gettato dentro una cisterna dismessa, e rinvenuto solo grazie alla collaborazione di Obert che portò gli inquirenti nel luogo dell’occultamento.

Gabriele Defilippi, alcune delle sue molteplici trasformazioni

Gabriele vuole chiedere scusa ai genitori di Gloria Rosboch

Ieri Gabriele davanti ai giornalisti è apparso diverso, non aveva più quell’aria glaciale e sfrontata sempre ostentata in questi anni. Palesemente appesantito, Defilippi sembra un’altra persona rispetto a quella che siamo stati abituati a conoscere attraverso le immagini trasmesse in tv. “Ho deciso di iscrivermi a Scienze Politiche e laurearmi, poi un giorno vorrei lavorare, ricominciare una nuova vita […]  L’università è un primo passo del mio percorso di riabilitazione. Un modo per dimostrare concretamente che non sono più il Gabriele del passato, quello che indossava le maschere e che pensava di conquistare tutto con l’inganno”. “Non posso dimenticare quello che è successo. Con lo studio e questo percorso che ho intrapreso voglio chiedere scusa alla famiglia Rosboch anche se sono consapevole che non saranno accettate. Per dare un senso a queste scuse è necessario dimostrare di essere un Gabriele diverso. So cosa ho fatto e quanto mi pesa lo so solo io”, chissà se gli anziani genitori della professoressa di Castellamonte saranno disposti a concedergli il perdono.

Omicidio Gloria Rosboch ultime notizie

Milly Carlucci nuova edizione “Ballando con le stelle”: Di Maio e Salvini nello show del sabato sera?

Claudia Montanarini, ex tronista di “Uomini e donne”, a giudizio per maltrattamenti in famiglia