in ,

Gloria Rosboch ultime notizie: sospetti su fidanzata di Gabriele, oggi l’interrogatorio

Esisterebbe la concreta possibilità che Gabriele Defilippi e Roberto Obert abbiano avuto anche altri complici, oltre a alla madre del ragazzo, Caterina Abbattista, per commettere l’omicidio della professoressa Gloria Rosboch, e che qualcuno (ancora non è noto se trattasi di un uomo o di una donna) abbia dato loro un supporto logistico nella fase successiva all’occultamento del cadavere della 49enne.

Gli inquirenti si avvarranno anche dei droni per cercare di rinvenire gli indumenti della vittima (spogliata prima di essere gettata nel pozzo di Rivera), che i due killer in carcere hanno detto di aver “gettato via per Torino”, ma soprattutto per ritrovare la valigetta contenente banconote false (anche se Defilippi ha rivelato di averle fatte bruciare da Obert) e l’arma, una pistola semiautomatica, di cui il 22enne sarebbe stato in possesso, e che ora dice di avere seppellito da qualche parte subito dopo l’omicidio.

Dal delitto, avvenuto nel primo pomeriggio del 13 gennaio sorso, all’ora in cui Gabriele riaccende il cellulare, 21,54, esiste infatti un buco di 6 ore: i due hanno detto di essere rientrati a Gassino, dove Gabriele vive con la mamma e il fratellino, per cambiarsi gli abiti, e solo dopo di aver disperso per tutta Torino i vestiti, l’orologio e i gioielli della insegnante uccisa, ma la loro versione non convincerebbe gli inquirenti.

I sospetti nelle ultime ore si stanno concentrando su Sofia, ragazza di origini marocchine, ultima fidanzata avuta da Gabriele Defilippi. La giovane, tornata inspiegabilmente in Marocco il giorno dopo l’omicidio della Rosboch, sarà sentita dagli inquirenti oggi pomeriggio a Torino. Il sospetto è che il pomeriggio del 13 gennaio la mamma di Gabriele la abbia contattata per chiederle di aiutarla a ‘coprire’ il figlio, coinvolgendola nella vicenda.

Milan Alessandria probabili formazioni

Milan – Alessandria: probabili formazioni e ultime news, semifinale Coppa Italia

Dove vedere Inter Cska Sofia

Inter, una crisi senza fine: la Champions League è distante e Mancini non parla