in ,

Golden Globes 2016, i vincitori: ad Ennio Morricone la “Miglior Colonna Sonora”

Si è svolta questa notte, a partire dall’1 ora italiana, la 73esima edizione dei Golden Globes: ecco tutti i vincitori tra i quali anche Ennio Morricone, il celebre compositore italiano che si è aggiudicato il premio per la Migliore Colonna Sonora Originale.

Considerato l’evento che anticipa gli Oscar, si sono tenute questa notte i Golden Globes 2016 nella tradizionale location del Beverly Hilton Hotel di Los Angeles: dallo stupore di Kate Winslet al discorso di Quentin Tarantino in onore di Ennio Morricone, ecco tutti i vincitori. L’Italia riceve un premio ai Golden Globes grazie ad Ennio Morricone e la sua colonna sonora per “The Hateful Eight”, il nuovo film di Quentin Tarantino: data l’assenza del compositore, è stato lo stesso regista a ritirare il premio dicendo “Per quel che mi riguarda Morricone è il mio compositore preferito e quando parlo di compositore non intendo quel ghetto che è la musica per il cinema, ma sto parlando di Mozart, di Beethoven, di Schubert”.

Come anticipato dai bookmaker, numerosi premi sono andati a The Revenant di Alejandro González Iñárritu che si è aggiudicato il titolo come miglior film drammatico, miglior regia ma anche miglior attore grazie a Leonardo Di Caprio: “The Martian” di è stato premiato come miglior commedia e Matt Damon, protagonista della pellicola di Ridley Scott, come miglior attore in una commedia. A differenza dei pronostici, miglior attrice in un film drammatico è Jennifer Lawrence per “Joy”: tra i premiati dei Golden Globes anche Silvester Stallone che ha ottenuto il riconoscimento come miglior attore non protagonista nel film “Creed”. Infine, indimenticabile è stata la reazione di Kate Winslet dopo l’annuncio che l’ha premiata come miglior attrice non protagonista nel film “Steve Jobs”.

Diretta Manchester City-Real Madrid dove vedere in tv e streaming

Calciomercato Juventus news, Isco sfuma: resta al Real Madrid

giallo di firenze news

Americana strangolata a Firenze: Ashley Olsen conosceva bene il suo assassino