in ,

Google e il diritto ad essere dimenticati

Essere dimenticati dal motore di ricerca di Google: è questa la possibilità che Larry Page, cofondatore del colosso del web, apre a tutta l’Europa dopo la sentenza della Corte di Giustizia Europea che riconosce ai cittadini il diritto a vedere cancellate dal web informazioni considerate scorrette o sconvenienti.

google

Da ieri 29 maggio, infatti, è possibile scaricare dal web un modulo che permetterà ai cittadini europei di esercitare il diritto all’oblio e quindi chiedere la cancellazione di dati che si reputano inopportuni. Come funziona? Dopo essersi identificati caricando la copia digitale di un documento di identità, è necessario indicare il link di cui si richiede la rimozione spiegandone le ragioni. Operatori di Google provvederanno ad analizzare ogni singola richiesta, anche se ancora non è dato a sapere né i criteri che guideranno l’eliminazione dei risultati né i tempi necessari.

Intanto il motore di ricerca sta cercando di formare un comitato di esperti che analizzi la complicata convivenza tra il diritto individuale all’oblio e quello pubblico di accesso all’informazione.

Per accedere al servizio, clicca qui.

(fonte: La Repubblica; autore dell’immagine principale: Alain Bachellier, da Flickr.com)

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Un Posto al Sole anticipazioni

Un Posto al Sole: il cast attende con gioia il parto di Claudia Ruffo

Carlo Conti (Official Page) facebook

Stasera in Tv: si chiudono “Si può fare!”, “Virus-Il contagio delle idee”, “Sfide” e il Crozza nel Paese delle Meraviglie – Remix