in

Google Maps modalità incognito in arrivo: sono iniziati i beta test

Google è in continua crescita e fermento. Il colosso di Mountain View è pronto con la sua ultima novità: la modalità incognito su Google Maps. Fin ora abbiamo avuto la possibilità di navigare sul web senza lasciare tracce, ora sarà possibile anche guidare, o camminare, senza far sapere a nessuno dove siamo stati. Non dovremo aspettare tanto per avere questa nuova funzione sui nostri smartphone. Il beta test è già partito, alcuni fortunati utenti che hanno aggiornato l’app potrebbero già avere disponibile la modalità incognito. Andiamo a scoprire come funzionerà e le sue principali caratteristiche.

google maps modalità incognito

Google maps, modalità incognito: come funziona

Non sappiamo ancora in base a cosa Google abbia scelto i suoi candidati per provare la modalità incognito di Google Maps, ma per qualcuno la funzione è già attiva. Secondo quanto riportato da Droid Life, gli utenti selezionati hanno ricevuto un’email da parte di Google nella quale gli viene spiegato il testing. Attivare la modalità incognito è molto semplice: basta infatti cliccare sulla foto profilo in alto a destra, e quindi fare tap sul tasto “attiva modalità incognito”. L’attivazione comporterà la modifica all’indicatore di localizzazione, che passerà dal colore blu al grigio scuro, ormai divenuto un marchio di fabbrica per l’opzione.

google maps modalità incognito


Leggi anche: Chi era Tin Tan: l’attore comico celebrato dal doodle di Google

Quando uscirà per tutti

Esattamente come per Chrome e Youtube, la modalità incognito permette di non lasciare alcuna traccia della propria attività. La privacy digitale è diventato un argomento molto dibattuto e le aziende più sul pezzo si stanno preparando a quella che potrebbe essere una nuova rivoluzione tecnologica. Google riesce sempre ad anticipare i bisogni dei suoi fruitori. La modalità incognito di Google Maps è super attesa. Non sappiamo ancora quando il colosso la rilascerà in tutti i dispositivi, ma se sono iniziati i beta test probabilmente non dovremo aspettare poi così tanto.

“Italia Viva”, sito registrato già il 9 agosto: «È vero, ma con Renzi non c’entro nulla!»

Grottaminarda, incidente sulla SS372: morti sul colpo zio e nipote, grave la sorella