in

Google si aggiorna: le funzionalità del nuovo logo che ha fatto centro

Tema degli ultimi giorni è il restyling del logo di Google che, non solo ha cambiato forme e dimensioni, ma è diventato anche dinamico. La morbidezza delle lettere, data dalla rotondità delle forme e, soprattutto, l’animazione, vanno a formare un logo del tutto rinnovato che acquisisce anche diverse funzionalità.

Per chi non lo sapesse, ricordiamo che il logo di Google è nato quasi per caso: Sergey Brin, capo di Google, ha disegnato il logo senza affidarsi ad un designer. Accadeva nel 1998, data dalla quale il logo storico ha subito non poche modifiche. L’ultima risale a qualche giorno fa, quando Google ha trasformato un wordmark serif in un sans-serif, svecchiando il logo. Google, quindi, si è orientata verso il gusto estetico degli utenti che è cambiato ed è in linea con le tecnologie moderne. Con un design rinnovato, è indispensabile mantenere una linea di continuità con il passato, in modo da non stravolgere quella che può essere definita una tradizione: i colori storici di Google vengono mantenuti, adattandoli alla linea moderna del nuovo logo.

Come anticipato, il restyling non è puramente estetico, bensì conferisce al logo di Google una caratteristica fondamentale che è l’interattività: i punti colorati che si trasformano in lettere, per esempio, sono anche indicatori vocali, funzionando come equalizzatori quando si attiva la funzione vocale. Nei display di minori dimensioni, il compito è affidato alla G.

Image credit: Shutterstock

Ecco alcune informazioni sulla dieta dukan

Dieta Dukan funziona? Le quattro fasi passo dopo passo

Serie B 2015-2016

Calendario Serie B 2015-2016: orari prima giornata, diretta tv e streaming