in

Governo 2018 news, i punti cardine del Partito Democratico: l’annuncio di Martina

Nel dibattito politico del Governo 2018 entra in campo anche il Partito Democratico. Maurizio Martina prova a “scongelare” il Pd nel dibattito post elettorale. E rilancia in tre punti le proposte dei democratici. “Confrontiamoci con i cittadini a partire dai loro bisogni e dalle loro aspettative, ripartiamo dalle nostre proposte concrete. Lasciamo ad altri tatticismi, scontri personali e di potere. Noi pensiamo all’Italia”, scrive su Facebook. Un’apertura che piace molto al Movimento 5 Stelle che strizza l’occhio ai DEM. Ma a Salvini l’apertura non piace e avverte Luigi Di Maio: “Torni sulla Terra, capisco la sua allergia a Berlusconi. Io ce l’ho con Renzi…”

I punti cardine del Partito Democratico: l’annuncio di Martina

Maurizio Martina, segretario reggente dei DEM, annuncia le priorità del Partito Democratico su povertà, famiglia e lavoro. Punti che sembrano in grado di coinvolgere, appunto, il Movimento 5 Stelle: “Allargare il reddito di inclusione per azzerare la povertà assoluta in tre anni e potenziare le azioni contro la povertà educativa; introdurre l’assegno universale per le famiglie con figli, la carta dei servizi per l’infanzia e nuovi strumenti di welfare a favore dell’occupazione femminile, per ridurre le diseguaglianze e sostenere il reddito dei ceti medi; introdurre il salario minimo legale, combattere il dumping salariale dei contratti pirata anche valorizzando il Patto per la fabbrica promosso dalle parti sociali. Tagliare ancora il carico fiscale sul costo del lavoro a tempo indeterminato per favorire assunzioni stabili con priorità a donne e giovani, norme per la parità di retribuzione dei generi”.

Ettore Rosato chiude al dialogo con il Movimento 5 Stelle

“Noi siamo alternativi alla Lega e al Movimento cinque stelle”, dice il vice presidente della Camera Ettore Rosato in una intervista al Corriere della sera. Mentre dall’ufficio stampa del Pd si smentiscono aperture a governi ‘del presidente’. “L’articolo de La Stampa – scrive il portavoce dell’ex segretario in una nota – dal titolo: Renzi, “un governo del Presidente se ci stanno grillini e leghisti” è totalmente privo di fondamento e non rappresenta in alcun modo il pensiero di Matteo Renzi.” Intanto, Emma Bonino apre al dialogo con i pentastellati.

Governo 2018 mandato esplorativo: ci sono precedenti storici? Le “crisi” più lunghe

Replica Grande Fratello 2018 finale

Grande Fratello 15, il commento alla prima puntata: Barbara D’Urso parte con il botto