in

Governo: Bersani non cambia linea, pronto a farsi da parte

La battaglia sul “governo del cambiamento” potrebbe essere l’ultima di Pier Luigi Bersani da segretario del PD. Domani Bersani riunirà i gruppi di Camera e Senato e se dovesse emergere come maggioritaria la linea dell’accordo “a tutti i costi” con il Pdl, potrebbe anche decidere di farsi da parte.

Il congresso dei Democratici si terrà ufficialmente solo in autunno, ma lo scenario attuale di tensione nel partito e il fallimento del tentativo di formare il Governo potrebbe far precipitare gli eventi e costringere la dirigenza a convocare l’assise subito dopo l’elezione del nuovo Capo dello Stato.

Bersani Renzi A Firenze

Con un nuovo segretario PD lo scenario potrebbe mutare decisamente, specie se con un nome gradito ai sostenitori di Matteo Renzi. Ed è proprio attorno al Sindaco di Firenze, secondo i retroscena che circolano in questi giorni, che potrebbero rinsaldarsi di nuovo le fila democratiche, questa volta decisamente orientate a nuove elezioni, al massimo in autunno.

Intanto Bersani, mentre apre al dialogo sull’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, insiste sulla linea del “governo del cambiamento”, che ha portato alla fallimentare rincorsa di un appoggio del Movimento 5 Stelle e all’irrigidimento del Pdl, che continua per la sua strada.

“Nessuna grande coalizione – dice il Segretario PD – un governissimo è per noi impensabile, non è questa la soluzione che sblocca il Paese. Ci siamo già passati con Monti e non ha funzionato”. Che fare allora? Sta tutta qui la debolezza di Bersani, che pure sostiene che le aperture di Franceschini e Speranza al Pdl facciano parte del suo disegno di avvicinamento ad un governo di “responsabilità”.

Ma tutto lascia pensare ad un ennesimo fallimento, con tutte le conseguenze del caso per un Partito Democratico che non può restare imprigionato da una linea politica penalizzante per sé ed il Paese.

IL PD APRE A BERLUSCONI PERCHE’ TEME MATTEO RENZI
SONDAGGI: IL CENTRODESTRA RECUPERA 3 PUNTI ED E’ PRIMO
SONDAGGI: RENZI BATTE BERSANI 66 A 10

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

Intelligenza: ecco come farla crescere in 5 mosse

Problema iMessage: troppi messaggi rompono l’iPhone