in

Governo, Bersani rimette l’incarico. Napolitano: “nuove consultazioni”

Pier Luigi Bersani rimette l’incarico esplorativo nelle mani del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Fallisce così, come previsto, il tentativo del segretario PD di formare un governo a sua guida, come emerso dalle consultazioni degli ultimi due giorni con le forze politiche.

“Il tentativo non è stato risolutivo”, afferma il comunicato del Quirinale letto dal segretario Marra: si apre dunque la strada di nuove consultazioni del Capo dello Stato.

Giorgio Napolitano

Ora la “palla” torna quindi a Giorgio Napolitano, che si prenderà il tempo necessario per capire se è possibile percorrere altre strade. Un altro nome e soprattutto un’altra idea di governo, cosiddetto “istituzionale”, guidato da una figura autorevole al di fuori dei partiti ma capace di attrarne il consenso trasversale: sembra questa l’unica strada ancora percorribile se non quella di un ritorno alle urne,

Eccetto il Movimento 5 Stelle, che ha già escluso questa prospettiva, le altre forze politiche potrebbero accordare la fiducia ad un esecutivo che si impegni su un orizzonte temporale breve  e soprattutto su un programma di pochi punti: misure urgenti per il lavoro e lo sviluppo, riforma elettorale e taglio dei costi della politica.

BEPPE GRILLO: #SIPUOFARE ANCHE SENZA GOVERNO

Seguici sul nostro canale Telegram

Debiti arretrati Pa verso aziende: via libera commissione Camera

Farmaci gastrolesivi, ecco quali sono