in

Governo Pd-M5s, ultimo giorno di trattative: Conte bis no, ma Conte 2.0 forse…

Potrebbe essere la giornata decisiva per un ipotetico governo Pd-M5s, quella di oggi, lunedì 26 agosto 2019. La scadenza imposta dal presidente Mattarella costringe i partiti a trovare una soluzione e a concludere le trattative, risolvendo anche quella che sembra risultare la questione più spinosa: il nodo premier. Mentre il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, chiede “discontinuità di nomi”, fa anche sapere: “Noi siamo pronti a fare la nostra parte per un governo nuovo e di svolta, anzi la stiamo facendo mettendo a disposizione le nostre idee. Ma occorre un confronto, non siamo disponibili ad essere presi in giro o solo ad accettare diktat o niet via Twitter. Non è così che si governa un grande Paese”.

Governo Pd-M5s, non un ripiego ma una soluzione

E intanto, mentre si aspetta di capire se sarà possibile trovare un’alternativa al ritorno alle urne a novembre, il governo Pd- M5s – fino a qualche settimana fa assolutamente impensabile – sta pian piano facendosi strada. E pare addirittura aprirsi uno spiraglio sulla possibilità che Zingaretti possa mandar giù un secondo governo ‘firmato’ Conte. Con una precisazione, sottolineano dal Pd: “Conte bis è difficile, Conte 2.0 sarebbe tutta un’altra cosa”. Dunque, va bene accettare il premier ma a condizione che si formi una squadra di governo in cui il Pd trovi una giusta rappresentazione. È, inoltre, assolutamente fondamentale che gli elettori capiscano che il governo giallorosso non è un ripiego del saltato gialloverde, ma una vera e propria svolta.

E intanto all’interno dei partiti…

“Discontinuità evidente” su programma e ministeri: questo il presupposto imprescindibile per il Partito Democratico, che intende – dunque – rivedere le poltrone. E malgrado Di Maio, unico contrario, rischi realmente il proprio posto, il M5s sembrerebbe essere d’accordo. Ma intanto, iniziano a manifestarsi le prime spaccature di partito: “Nel caso di accordo con la Lega – tuona il senatore pentastellato, Gianluigi Paragone – resto nel gruppo parlamentare M5s. Nel caso di un accordo con il Partito democratico vediamo. Lo voglio vedere questo governo”.

Leggi anche —> Donald Trump, problema uragani? «Bombardiamoli con le armi nucleari!»

Sara Affi Fella Instagram, il malore la costringe ad annullare le vacanze

Wanda Nara Instagram, il costume color carne non contiene l’abbondante seno