in

Gran Bretagna: 19 morti per “abuso di Viagra”, è allarme

Gran Bretagna: 19 morti per “abuso di Viagra”. Eh già, secondo quanto riporta The Sun, sarebbe stata la ‘pillola blu’ a provocare il decesso di 19 uomini tra i 50 e 60 che ne facevano uso. Le morti sospette risalgono allo scorso anno e in tutti i casi sarebbe stato il farmaco contro l’impotenza maschile a provocare gravi problemi cardiaci ai soggetti che la assumevano.

Siffatti casi di decesso potrebbero essere il frutto di un consumo del Viagra non per scopi non medici, soprattutto dopo il via libera in Gran Bretagna alla ‘pillola blu’ a partire dal marzo scorso. Spiega The Sun che la facilità nel procurarsi il farmaco senza previa prescrizione medica ha fatto impennare le vendite di Viagra del 60%. Un portavoce della Pfizer, l’azienda farmaceutica che produce il medicinale, ha dichiarato che “la sicurezza del paziente è, da sempre, la priorità dell’azienda. Stiamo collaborando con le autorità regolatorie in tutto il mondo per monitorare costantemente la sicurezza di ogni singola pillola”. Il Viagra, infatti, “ha un profilo consolidato di efficacia e tollerabilità”.

Potrebbe interessarti anche: Brescia donna con gambe fratturate nel fiume a Lumezzane: “Mi hanno gettato due uomini”

Dalla sua introduzione sul mercato nel 1998 e fino 2015, più di 64 milioni di persone nel mondo sono stati tratti con il citrato di sildenafil. Il farmaco può provocare, come tutti, degli effetti collaterali; oltre ai succitati problemi cardiaci, i disturbi gastrointestinali e del sistema nervoso, problemi alla vista e respiratori. Il principio attivo, il citrato di sildenafil, sarebbe stato collegato quest’anno – secondo il report della Medicines & Healthcare products Regulatory Agency (Mhra) – a 7 decessi.

 

Pensioni quattordicesima settembre 2018: quando arriva l’accredito? Ecco chi ha diritto a riceverla

Vaccini obbligatori, madre di tre figli in sciopero della fame da un mese

Scuola, autocertificazioni vaccini, il parere dell’esperto: “Controlli rigidi, quali le possibili sanzioni”