in ,

Gran Premio d’Australia MotoGp: Vince Lorenzo e la bandiera nera a Marquez

Al Gran Premio d’Australia, sul circuito di Phillip Island, prende il via il 16° appuntamento con una corsa insolita, ridotta addirittura a soli 19 giri. Infatti entro le prime 10 tornate ci sarà un cambio obbligatorio di moto: una decisione questa, assurda ma essenziale ai fini della sicurezza. Una corsa rapida vinta da Lorenzo, seguito da Pedrosa in seconda posizione e Rossi, terzo, in volata. Marquez e Rossi

Alle 7.00 in punto sono partiti

La situazione alla fine del primo giro vede: Lorenzo, Marquez, Pedrosa, Rossi e quinto Bautista

2° giro: Lorenzo si allunga ma non troppo. Le Honda sono vicinissime e al momento le posizioni sono invariate con Lorenzo che guida sempre la corsa con mezzo secondo di vantaggio su Marquez

3° giro: Pedrosa comincia a rallentare mentre Lorenzo e Marquez allungano. Bautista ha raggiunto Rossi

4° giro: Per ora Lorenzo conduce sempre la gara e Crutchlow si stacca di poco dal duetto  Rossi e Bautista

5° giro: Marquez si avvicina a Lorenzo anche se questa corsa sarà decisa, in buona parte con il flag to flag

6° giro: Lorenzo fatica con Marquez e Pedrosa che salgono. Rossi perde terreno e finisce in sesta posizione dietro al Crutchlow

7° giro: Pedrosa è molto vicino al compagno. Il terzetto, che prende le misure, è molto compatto proprio a tre giri dal cambio obbligatorio di moto

8° giro: gara senza grossi cambiamenti. Solo Valentino Rossi sta avendo delle difficoltà

9° giro: Marquez ha l’intenzione di utilizzare  questo giro per chiudere davanti a Lorenzo per fare il cambio moto in tutta tranquillità. La situazione è rimasta invariata. Intanto ai box Pedrosa e Bautista fanno il cambio moto

10° giro: in questo giro cambio moto per tutti

12° giro: Marquez potrebbe esser penalizzato per il ritardo nel cambio moto

13° giro: All’uscita dai box, contatto pericolosissimo tra Lorenzo e Marquez. Quest’ultimo è rientrato in pista con una velocità troppo bassa in traiettoria di Lorenzo che invece sta completando il giro.

14° giro: Tra Lorenzo e Marquez, il cambio moto ha creato una situazione di pericolo che si sono toccati.

Bandiera nera per il pilota spagnolo Marquez che è stato squalificato dalla gara

15° giro: Con marquez fuori da questa gara, adesso è Lorenzo che guida la corsa e riapre, forse,  la lotta al mondiale

16° giro: A tre giri dalla fine Lorenzo guida la corsa inseguito da Pedrosa. Rossi supera Crutchlow ed è in terza posizione

17° giro : A due giri dalla conclusione Lorenzo è sempre in testa con Pedrosa che è a circa due secondi di vantaggio.

Ultimo giro vince Lorenzo, Pedrosa secondo e Rossi, in volata, terzo

Ordine d’arrivo G.P. d’Australia

01- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – 19 giri in 29’07.155
02- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 6.936
03- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 12.344
04- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 12.460
05- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 12.513
06- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 28.263
07- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 32.953
08- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 35.062
09- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 35.104
10- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 37.426 (CRT)
11- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar+46.099 (CRT)
12- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing+48.149 (CRT)
13- Yonny Hernandez – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 49.911
14- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 49.998 (CRT)
15- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 58.718 (CRT)
16- Luca Scassa – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 58.791 (CRT)
17- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 1’08.105 (CRT)
18- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 1’27.230 (CRT)
19- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 1’31.093 (CRT)
20- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – a 1 giro (CRT)

 

Classifica piloti

1) Marc Marquez Honda SPA (298); 2) Jorge Lorenzo Yamaha SPA (280); 3) Dani Pedrosa Honda SPA (264); 4) Valentino Rossi Yamaha ITA (214): 5) Cal Crutchlow Yamaha GBR (179); 6) Alvaro Bautista Honda SPA (147); 7) Stefan Bradl Honda GER (135); 8) Andrea Dovizioso Ducati ITA (127); 9) Nicky Hayden Ducati USA (111); 10) Bradley Smith Yamaha GBR (99); 11) Aleix Espargaro ART SPA (88); 12) Andrea Iannone Ducati ITA (55); 13) Michele Pirro Ducati ITA (50); 14) Colin Edwards FTR Kawasaki USA (36); 15) Randy De Puniet ART FRA (33); 16) Hector Barbera FTR SPA (31); 17) Danilo Petrucci Ioda-Suter ITA (24); 18) Yonny Hernandez Ducati COL (20); 199 Hiroshi Aoyama FTR JPN (13); 20) Claudio Corti FTR Kawasaki ITA (11); 21) Ben Spies  Ducati USA (9); 22) Alex De Angelis Ducati RSM (5);  23) Karel Abraham ART CZE (5); 24) Michael Laverty PBM GBR (3); 25) Bryan Staring FTR Honda AUS (2); 26) Javier Del Amor FTR SPA (1)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Piero Marrazzo torna in tv a novembre con “La razza umana” su Rai Due

JPMorgan salva governo Usa: 13 miliardi per risolvere la crisi