in ,

Gran Premio di Gran Bretagna MotoGp: duello leggendario Lorenzo-Marquez

Nonostante la spalla lussata, dopo la brutta mattinata a causa di una caduta Marc Marquez ha preso parte alla gara, partendo dalla pole position. Jorge Lorenzo che durante le qualifiche ha dato vita ad un appassionante duello con Marquez, al via della gara, passa subito davanti dominando i primi giri. Marquez però già al terzo giro si fa pressante ottenendo, per l’appunto il giro più veloce. Daniel Pedrosa in ottima forma e scatenato dalla terza posizione sembra da subito pronto a sferrare l’attacco. L’inglese Cal Crutchlow al settimo posto dietro Rossi, cerca di fare la sua gara, nonostante la caduta in mattinata, nello stesso punto di Marc Marquez. marquez

Il “Dottore” Valentino Rossi, a dieci giri dalla fine si porta alla quinta posizione. I tre spagnoli danno spettacolo, tenendo viva la suspense della corsa distanziati da millesimi di secondo.  Al trio delle meraviglie iberico, seppur nettamente staccato dal gruppetto, al quarto posto c’è un altro spagnolo Bautista. Un poker che batte bandiera giallo-rossa.  A sei giri dalla fine l’impressione è che tutto possa ancora accadere e mai podio è stato più incerto. Nonostante la superiorità dell’Honda, Lorenzo non sbaglia nulla, capace di tener testa ad un Marc Marquez determinato.

Nelle retrovie invece continua il duello tra le Ducati.  A tre giri dalla fine Valentino Rossi attacca Bautista e lo supera arrivando al quarto posto, ma questi lo riprende all’ultimo giro. Straordinario Marquez nonostante il dolore strappa la prima posizione a Lorenzo, ma quest’ultimo non ci sta e, si riprende il primo posto a due giri dalla fine.  L’adrenalina sale alle stelle.  Purtroppo Dovizioso cade all’ultimo giro mentre Rossi chiude al quarto posto in un duello non meno appassionante di quello per il podio.

Ordine d’arrivo G.P. di Gran Bretagna

01- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 2’00.691
02- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.128
03- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.734
04- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 0.867
05- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.933
06- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 1.418
07- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.432
08- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 1.561
09- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.598
10- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.718
11- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 3.341 (CRT)
12- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – senza tempo (CRT)
13- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
14- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
15- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
16- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
17- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 (CRT)
18- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
19- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 (CRT)
20- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
21- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
22- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
23- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 (CRT)

Classifica Piloti

Marquez, Honda 233; Pedrosa, Honda 203; Lorenzo, Yamaha 194; Rossi, Yamaha 156; Crutchlow, Yamaha 136; Bradl 113; Bautista 103; Dovizioso 96

 

Seguici sul nostro canale Telegram

virna lisi e sabrina ferilli

Baciamo le mani anticipazioni: la storia di Ida Di Giulio

Andrea Casiraghi e Tatiana Santo Domingo

Principato di Monaco: matrimonio blindato e low-profile