in ,

Gran Premio F1 d’Australia 2014 diretta tv

Inizia il Gp con ben due giri di ricognizione per un problema alla monoposto di Sebastian Vettel

2° giro: al via le due Mercedes sono in lotta,  Kobayashi e Massa vanno fuori e Rosberg precede Ricciardo, Hamilton, Magnussen e Alonso

3° giro:  Hamilton sta avendo qualche problema e dai box gli suggeriscono via  radio prima di ritirarsi per salvaguardare il motore e poi lo lasciano fuori. Kevin Magnussen2

5° giro: Anche  Vettel ai box! Nel frattempo Bottas rimonta e passa Vergne. Per tornare alla partenza, Kobayashi ha preso in pieno Massa, mentre Rosberg ha conquistato con facilità la testa della gara.

10° giro: Bottas tocca il muro in uscita dalla chicane nel T2. Sospensione rotta e perde la posteriore destra e dovrà rientrare ai box.

11° giro: Safety car in pista,  per consentire di togliere la gomma dalla pista e Button ne approfitta per un pit stop  così come tutti gli altri team

12° giro: Sono ai box i primi dieci in classifica, Rosberg, Ricciardo, Magnussen, Hulkenberg, Alonso, Raikkonen, Vergne e Kvyat.

13°giro: Button che è entrato al limite è il pilota che, più degli altri, si è avvantaggiato di più della Safety Car. Raikkonen passa ottavo e Rosberg perde il suo vantaggio

16° giro: riparte la gara e Maldonado è risalito all’11° mentre Sutil è nono, entrambi non si sono fermati per cambiare le gomme. Rosberg fa un primo giro record e guadagna su Ricciardo. Vettel deluso e amareggiato ha dichiarato che il problema del ritiro è collegato alla power unit

20°giro: a questo punto della gara Rosberg comanda agevolmente ed è riuscito a ripristinare  il gap che aveva prima dell’ingresso della safety car. Ricciardo è davanti Magnussen, Hulkenberg è quarto e deve guardarsi da Alonso che si fa vedere minaccioso in diverse occasioni. Seguono  Button, Vergne e Raikkonen

22° giro: il pilota finlandese della Williams Bottas ha un altro ritmo ed è dietro a Kvyat

25° giro: grazie al Drs Bottas supera Kvyat sul rettilineo e si lancia all’inseguimento di Raikkonen. Bottas  ha lo stesso tempo di Alonso

27° giro: Rosberg e Ricciardo aumentano il ritmo. Magnussen è lento mentre Bottas ha quasi ripreso Raikkonen. Quest’ultimo fa un errore in frenata mentre seguiva Vergne, perdendo 2 secondi. Problemi alle gomme per Rosberg

31° giro: esce Maldonado e Alonso tenta l’attacco a Hulkenberg

33° giro: Pit stop per Button e comincia la carrellata anche per le altre scuderie

34° Alonso guadagna il quarto post dopo il pit stop di Hulkenberg

36° giro: Alonso strappa la posizione a Hulkenberg ma il tedesco prova a rispondere. E’ lotta affiancata alla curva tre, Alonso resta davanti. Ma Button è più abile però, perché riesce a passare sia Alonso che Hulkenberg

38° giro: Rosberg entra ai box per il pit stop

41° giro: a breve, in pista, potrebbero esserci tre sfide: Magnussen è vicinissimo a Ricciardo, Vergne da Hulkenberg. E Kvyat insegue Raikkonen

44° giro: Bottas è all’attacco del francese Vergne che si difende alla curva 3. Alonso è a 3 secondi da Button, entrambi hanno le gomme medie mentre Kvyat apre l’ala ed è vicinissimo a Raikkonen

45° giro: Grosjean fuori

47° giro: Bottas supera Vergne sul rettlineo, dopo un piccolo errore del francese. La Williams è al settimo posto  e ha un lieve ritardo da Hulkenberg

48° giro: Magnussen lascia andar via  Ricciardo mentre Raikkonen si avvicina a Vergne.  Per ora Alonso sembra accontentarsi della quinta posizione e abbandona l’intenzione di raggiungere Button.

50° giro: Magnussen prova a riprendere Ricciardo. Dietro c’è Button e Alonso insegue

52° giro: Bottas si prende la sesta posizione mentre Alonso è lontano da Button. Le posizioni sembrano cristallizzate l’unico dubbio è per la seconda posizione, dove c’è battaglia tra Ricciardo e Magnussen

55° giro: Vergne va lungo e Raikkonen conquista  l’ottava posizione.

57° giro: vince Rosberg, secondo Ricciardo e terzo il debuttante Magnussen, quarto Button e quinto Alonso

Ordine d’arrivo Gran Premio d’Australia

  1. Rosberg – Mercedes (25)
  2. Ricciardo -Red Bull (18)
  3. Magnussen – Mc Laren (15)
  4. Button – Mc Laren (12)
  5. Alonso – Ferrari (10)
  6. Bottas – Williams (8)
  7. Hulkenberg – Force India (6)
  8. Raikkonen – Ferrari (4)
  9. Vergne – Toro Rosso (2)
  10. Kvyat – Toro Rosso (1)

 

 

 

 

 

 

Alba Parietti, un nuovo amore da mille e una notte

green league logo

Energia, un gioco online per imparare il risparmio