in ,

Gran Premio F1 Germania 2013 diretta tv (Video)

Sull’impegnativo circuito della Renania a  Nürburgring  si è disputato il G.P. di Germania, ad appena una settimana da quello di Silverstone. Ancora una volta  Sebastian Vettel su Red Bull ha vinto per la prima volta, nella nona prova del Mondiale di F1, il Gran Premio di Germania. Il tedesco, già primo nella classifica piloti, ha preceduto le veloci Lotus-Renault di Kimi Raikkonen e Romain Grosjean. Al quarto posto, dopo un lungo e travagliato inseguimento e una “strategia del muretto” che lascia dei dubbi , si piazza Fernando Alonso su Ferrari.  A seguire si sono classificati: Lewis Hamilton su Mercedes, Jenson Button su Mclaren, Mark Webber sull’altra Red Bull, Sergio Perez su Mclaren, Nico Rosberg su Mercedes e Nico Hulkenberg su Sauber. Vettel

È stato un G.P di Germania sfortunato anche per Felipe Massa. La sua Ferrari si è girata alla prima curva e il bravo pilota brasiliano è stato obbligato a scendere e interrompere la sua gara che è durata appena quattro giri. Il ferrarista, in quel momento, era in sesta posizione.

Ancora le gomme, per altri versi, sono state protagoniste a Nürburgring. Nella gara si sono verificati due incidenti. Nel primo caso, Mark Webber, sulla sua Red Bull, ripartendo dai box ha perso una ruota posteriore che è stata schiavata prontamente dai meccanici del box vicino a quello del pilota australiano  e che però  ha colpito un cameraman di spalle che non l’ha visto arrivare. L’uomo è crollato a terra ed è stato subito soccorso. Nel secondo caso c’è stata la disattenzione macroscopica di Jules Bianchi che ha abbandonato in tutta velocità la sua Marussia per un principio di incendio. La macchina, lasciata senza marcia, si è mossa da sola e, in retromarcia, ha attraversato tutta la pista, fermandosi contro un cartellone pubblicitario, senza interferire con i piloti che stavano sopraggiungendo.

 

Ordine d’arrivo del G.P. di Germania  2013:

1. Sebastian Vettel (Ger) Red Bull-Renault 1h41’14”711;

2. Kimi Raikkonen (Fin) Lotus-Renault +1”008;

3. Romain Grosjean (Fra) Lotus-Renault +5”830;

4. Fernando Alonso (Spa) Ferrari +7”721;

5. Lewis Hamilton (Ing) Mercedes +26”927;

6. Jenson Button (Ing) McLaren-Mercedes +27”996;

7. Mark Webber (Aus) Red Bull-Renault +37”562;

8. Sergio Perez (Mex) McLaren-Mercedes + 38”306;

9. Nico Rosberg (Ger) Mercedes +46”821;

10. Nico Hulkenberg (Ger) Sauber-Ferrari +49”892;

11. Paul Di Resta (Sco) Force India-Mercedes +53”771;

12. Daniel Ricciardo (Aus) Toro Rosso-Ferrari +56”975;

13. Adrian Sutil (Ger) Force India-Mercedes +57”738;

14. Esteban Gutierrez (Mex) Sauber-Ferrari +1’00”160;

15. Pastor Maldonado (Ven) Williams-Renault +1’01”929;

16. Valtteri Bottas (Fin) Williams-Renault + 1 giro.

17. Charles Pic (Fra) Caterham-Renault + 1 giro;

18. Giedo van der Garde (Ola) Caterham-Renault + 1 giro;

19. Max Chilton (Ing) Marussia-Cosworth + 1 giro.

 

 Classifica piloti Vettel 157, Alonso 123, Raikkonen 116, Hamilton 99, Webber 93, Rosberg 84, Massa 57, Grosjean 41, Di Resta 36, Button 33, Sutil 23, Perez 16, Vergne 13, Ricciardo 11, Hulkenberg 7.

Classifica costruttori Red Bull 250, Mercedes 183, Ferrari 180, Lotus 157, Force India 59, McLaren 49,  Toro Rosso 24, Sauber 7.

 

 

http://youtu.be/S7l8vg9z_XE

belen rodriguez

Selvaggia Lucarelli: “Stefano De Martino ritornerà ad Amici, ma come fidanzato di Miguel Bosè”

Milano Expo 2015, Napolitano: “occasione di rilancio per tutta l’Italia”