in ,

Grana Padano sequestrate 4mila forme: consumatori tutelati

I Nas della provincia di Brescia hanno sequestrato quattromila forme di Grana Padano e hanno avviato un’inchiesta che coinvolge oltre 30 persone indagate, e si sta allargando anche alle province di Cremona, Mantova e Bergamo. Il motivo è il latte contaminato da aflatossine, sostanza cancerogena per l’uomo, che sarebbe stato utilizzato dai caseifici coinvolti nell’indagine per il Grana Padano e il provolone.

Gli indagati, accusati di adulterazione o contraffazione di sostanze alimentari, sarebbero responsabili di aver diluito il latte con una dose superiore di aflatossine rispetto a quella consentita, rivendendolo ad altre aziende casearie, non consapevoli minimamente del fatto. I consumatori si sono subito chiesti se possono avere acquistato una delle forme di Grana Padano coinvolte nell’indagine, Stefano Berni, direttore generale del Consorzio Grana Padano, ha affermato: “Non ci risulta che Grana Padano prodotto con latte contaminato sia arrivato sulle tavole dei consumatori perché è stato bloccato in magazzino, per cui i consumatori possono stare assolutamente tranquilli“.

La Regione Lombardia si occuperà di un piano straordinario di controlli, ma il direttore generale del Consorzio ribadisce, “Da questa vicenda il Consorzio Grana Padano è il primo ad essere danneggiato. Un danno provocato da pochi soggetti che avrebbero voluto fare i furbi. Chiaro che nei loro confronti agiremo con rigore e fermezza“.

Photo Credit: foodio / Shutterstock

offerte ricaricabili Vodafone

Offerte ricaricabili Vodafone Relax Aprile 2016 Samsung Galaxy S7: ecco tutte le promozioni

Amici 15 anticipazioni

Amici 15 anticipazioni: comunicazione importante per Andreas, fan nel panico