in

Grande Fratello Vip, Pupi Avati contro Ilary Blasi: “presentare quella roba lì è una cosa che dovrebbe costringerti al silenzio”

Non bastavano le polemiche contro Clemente Russo e Stefano Bettarini, non bastava il polverone mediatico che si è sollevato e le varie conseguenze scatenate da un discorso che non doveva assolutamente né essere fatto e pensato, non bastava, oltretutto, il televoto sospeso poco prima della nuova diretta, su Canale 5, della puntata del Grande Fratello Vip. A rendere l’aria più incandescente è giunto anche il giudizio di un esimio regista come Pupi Avati che in una recente intervista si è scagliato contro Ilary Blasi.

>> Qui tutte le news sul Grande Fratello Vip 

Cosa ha detto Pupi Avati? Rispondendo a Malcolm Pagani, Savino Zaba e Massimo Bagnato, ovvero i conduttori della trasmissione di Radio 2 intitolata Italia nel Pallone, in merito alla questione fra Ilary Blasi, Luciano Spalletti e Francesco Totti, parlando proprio di Ilary Blasi, Avati ha detto: “Mi fa ridere da morire questa cosa detta da una signora che presenta il Grande Fratello Vip” ed aggiunto: “è una donna che viene da un programma che adoravo, Le Iene” per concludere la frase con: “insomma presentare quella roba lì è una cosa che secondo me dovrebbe costringerti al silenzio. Non dovresti esprimere opinioni su nulla“.

Cercando di farsi capire meglio Avati ha poi detto, sempre parlando della Blasi e del Grande Fratello Vip: “se accetti di prendere un cachet elevatissimo dovendo presentare il Grande Fratello Vip, che è la trasmissione forse più indecente e terrificante che uno possa immaginare … a patto però che non pronunci su nulla …” a anche “Magari quello che ha detto su Spalletti è vero, ma esprimere giudizi da quel pulpito è un po’ faticoso da condividere” perché, in generale, Avati ha detto di credere: “nella coerenza degli esseri umani sul piano della qualità dire certe cose da quel pulpito lì“.

Capodanno 2017 al caldo: 3 offerte economiche da prenotare subito

Stop sbarchi migranti in Sicilia

Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione: poesie e aforismi raccontano del dramma dei migranti