in

Grecia: le isole più belle da scoprire durante le vacanze 2016

Avete scelto la Grecia come meta per le vostre vacanze estive 2016, ma non sapete ancora dove andare? Siete in cerca di un’isola tranquilla, soleggiata e bagnata da acque limpide e cristalline? Eccone alcune fra le più belle da non perdere assolutamente.

Milo: si tratta di un’isola della Grecia di origine vulcanica. Le sue spiagge sono bagnate dal Mar Egeo e la località, di norma, si raggiunge sempre via mare. Per chi ama la cultura è la meta perfetta in quanto ci sono molte testimonianze storie del passaggio di diverse popolazioni come quelle elleniche, romane e bizantine. Le città da vedere sono Plaka, Adamas e Tripiti.

Santorini: anche questa isola Greca si affaccia sul Mar Egeo ed è quella più a sud rispetto alla cerchia delle Cicladi. Santorini è famosa soprattutto per le sue case dai muri bianchi e i caratteristici mulini a vento. Si tratta anche in questo caso di un’isola di origine vulcanica e le sue spiagge mostrano un mare quasi sempre azzurro e trasparente, a dir poco paradisiaco.

Kos: è un’isola dell’arcipelago del Dodecaneso ed è famosa nel mondo soprattutto perché a dato i natali al grande Ippocrate. Per chi adora l’archeologia, su quest’isola potrà sbizzarrirsi: uno dei siti più famosi è il tempio di Asclepio, il dio greco della medicina e il Platano di Ippocrate, uno degli alberi più antichi al mondo, dove il medico passava gran parte del suo tempo.

Amorgos: per chi è in cerca di un po’ di relax, lontano dal caos cittadino e dalle grandi metropoli, quest’isola è la meta perfetta. Minoa è il villaggio da segnare in agenda in quanto il più antico dell’isola. Si dice che in tempi remoti fu la residenza di Minosse. Qui potrete vivere tramonti unici fra le piccole case bianche e prendere il sole lungo la spiaggia di Maltezi.

Photo Credit: Wikipedia.org

Come scrivere un curriculum vitae per neolaureati

Come scrivere un curriculum perfetto da neolaureato? 5 errori da evitare

racconto superstiti incidente ferroviario puglia

Scontro treni Puglia, il racconto di chi è scampato all’inferno: “Un orrore, pezzi di corpi ovunque”