in ,

Grecia, protesta dei calciatori contro stragi migranti: seduti in campo per 2 minuti

Le morti di migranti nel Mar Egeo stanno sconvolgendo l’opinione pubblica di tutti il mondo senza però trovare quella risposta in termini di fatti che molti si augurano; per questo anche i calciatori in Grecia hanno deciso di manifestare la loro indignazione per cercare di sensibilizzare le istituzioni nei confronti di una situazione che si sta facendo sempre più grave.

Così ieri, nella partita di seconda divisione greca tra Ael Larissa ed Acharnaikos i giocatori delle due squadre si sono seduti in campo per due minuti non appena l’arbitro ha fischiato l’inizio del match; a quel punto dagli altoparlanti dello stadio di Larissa è stato letto il comunicato che spiegava quella particolare protesta:L’amministrazione dell’Ael, gli allenatori e giocatori osserveranno due minuti di silenzio per ricordare le centinaia di bambini che continuano a perdere la vita nell’Egeo a causa della brutale indifferenza di Ue e Turchia. I giocatori si siederanno a terra per spingere le autorità a far pressione su tutti coloro che sembrano aver perso la sensibilità verso i terribili crimini perpetrati nell’Egeo”

Dopo quanto fatto nella Serie B greca, anche Unicef Italia ha chiesto ai calciatori di Serie A e Serie B di impegnarsi in questo modo, sedendosi e spingendo alla riflessione per due minuti, sottolineando come il bellissimo l’esempio dei giocatori di Ael e Acharnaikos vada assolutamente seguito.

Dove vedere Sassuolo Roma

Sassuolo – Roma: probabili formazioni e ultime news, 23a giornata Serie A

Festival di Sanremo 2017 Albano Carrisi cantante

Albano Carrisi news, il cantante pugliese è malato: ecco cosa ha