in ,

Grecia referendum il 5 luglio, Alexis Tsipras al popolo: “L’Europa dovrebbe vergognarsi”

In Grecia è panico. Mentre continua l’assalto agli sportelli Bancomat per il timore delle condizioni che l’Unione Europea potrebbe imporre al governo ellenico, il Premier Alexis Tsipras annuncia un imminente referendum per il 5 luglio 2015, in cui il popolo sarà chiamato a esprimersi riguardo alla possibilità o meno di accettare le pensanti condizioni imposte dai creditori.

La consultazione per dare il “la” al referendum è stata approvata con 179 sì contro 120 no; favorevoli la destra nazionalista di Alba Dorata e Anel, oltre a Syriza. Tsipras, dal canto suo, ha commentato con queste parole la decisione: “Combattiamo contro pratiche di cui l’Europa dovrebbe vergognarsi”. Al paese ellenico, infatti, l’Europa avrebbe chiesto di tagliare stipendi e pensioni, aumentare l’IVA sugli hotel del 13,5%, facendo capitolare il turismo. Un invito esplicito a votare no alle condizioni imposte dai creditori, a cui si è unita anche la voce del ministro dello Sviluppo, Panayiotis Lafazanis.

Così come riportato da La Repubblica, l’Eurogruppo avrebbe deciso di non prorogare gli aiuti di sei giorni, fino, appunto, al giorno del referendum. E intanto il popolo greco si prepara al peggio, continuando incessantemente a prelevare agli sportelli Bancomat e accaparrandosi generi di prima necessità ai supermercati.

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

morso mike tyson evander holyfield

Mike Tyson contro Evander Holyfield: il morso all’orecchio di Iron Man

Selfie con testa mozzata terrorista Isis

Attentato Isis in Francia ultime news: terrorista fece selfie con testa mozzata