in

Green Pass arriva la “stretta” di Ferragosto: cosa si può fare e cosa no

Il weekend di Ferragosto 2021 sarà diverso da tutti quelli precedenti. Un quindici di agosto marchiato dal verde del Green Pass e all’insegna dei controlli nelle principali località turistiche italiane, per via della pandemia da Covid-19 che continua a condizionare la vita quotidiana. (Continua a leggere dopo la foto)

Green pass

Green Pass, facciamo chiarezza

Dalla Valle D’Aosta alla Sicilia, quello che sta per arrivare sarà un weekend di controlli e restrizioni in tutta Italia. Le osservate speciali, dove il lavoro delle forze dell’ordine sarà più intenso, sono le località turistiche. Dopo le chiusure di queste ore di alcune discoteche abusive in Riviera Romagnola e a Porto Cervo, la linea del governo prevede un ulteriore inasprimento.

Ricordiamo che la circolare diffusa dal Viminale spiega esplicitamente che, nel momento nel quale si controlla il Green Pass, è “a discrezione del verificatore controllare il documento di identità in caso di palese abuso o falsificazione”. Questo vuol dire che colui che controlla i Green Pass non ha l’obbligo di controllare il documento di identità del soggetto, a meno che non ci si trovi davanti ad un abuso evidente. La nota sottolinea anche che “qualora si accerti la non corrispondenza fra il possessore della certificazione e l’intestatario della medesima, la sanzione si applica solo all’avventore, laddove non siano riscontrabili palesi responsabilità a carico dell’esercente”. Per verificare la validità del passaporto verde sarà necessario utilizzare l’app Verifica C-19.

Ferragosto 2021, le nuove restrizioni

Il governo promette che il weekend di Ferragosto 2021 sarà all’insegna dei controlli e le forze dell’ordine sono già pronte a scendere in campo in tutte le località turistiche. La ragione per cui si è deciso di intervenire con una nuova stretta è legata alla volontà di limitare il più possibile il numero di persone contagiate dalla variante Delta.

In queste ore non si sono fatte mancare le proteste, in modo particolare quelle degli steward. A intervenire il presidente dell’Associazione Nazionale Delegati alla Sicurezza Ferruccio Taroni: “La circolare del Viminale genera errate interpretazioni. Continueremo a suggerire ai delegati della gestione degli eventi durante i Comitati per l’ordine pubblico di non usare gli steward per il controllo del certificato verde. Noi interverremo solo nei casi in cui sarà necessario esibire il documento di identità”.

Alcune città hanno già sviluppato un piano di intervento speciale in vista del weekend di Ferragosto. In particolare l’amministrazione di Jesolo, sul litorale veneto, ha annunciato il reclutamento di steward per evitare la ressa nella movida. Importanti anche le misure introdotte dal Comitato Provinciale di Ravenna: è stato previsto un aumento dei controlli sui litorali, sui siti di interesse storico e sulle strade.

Sant'Anna di Stazzema

77 anni fa la strage di Sant’Anna di Stazzema, il sindaco: «Si continua a spargere odio»

caldo italia record

Caldo record in Italia, Sud in fiamme: la Sicilia sfiora i 50 gradi, fino a quando durerà